Dani Pedrosa pronto per il Mugello

Dopo un mese e mezzo di stop il pilota HRC torna di nuovo in pista

Share


Dopo tre gran premi saltati e due operazioni, Dani Pedrosa tornerà finalmente in pista al Mugello. Ad annunciarlo è lo stesso pilota spagnolo sul suo blog: “è da settimane che volevo scrivere che ritorno a correre e oggi finalmente lo posso fare. Queste settimane sono state difficili, ma sapevo che dovevo concentrarmi nel recupero per ritornare in moto nelle migliori condizioni possibili. Le mie condizioni fisiche sono migliorate parecchio dopo il secondo intervento. Adesso ho bisogno di scoprire che sensazioni provo a guidare una moto in pista. Il Mugello non è un circuito facile, dal punto di vista fisico è impegnativo, per noi è una complicazione in più”.

Non si può parlare di un recupero record per il fantino di Barcellona, che ritornerà in gara a un mese e mezzo dall’infortunio sulla pista di Le Mans. Senza scomodare l’eroico Takazumi Katayama, che con entrambe le clavicole si presentò sulla linea di partenza, anche in questa stagione c’è chi ha fatto decisamente meglio. Colin Edwards a una settimana da un infortunio del tutto simile a quello dello spagnolo era sul podio ad Silverstone. E se non fosse stato per il parere negativo del dottor Macchiagodena, responsabile medico del circuito, il texano si sarebbe schierato alla partenza anche del Gran Premio di Barcellona, a sole 24 ore dall'operazione.

Altro esempio sempre in casa Tech 3, con Cal Crutchlow regolarmente al via ad Assen, dove in gara si stava giocando il quarto posto prima di dover rientrare ai box con la gomma anteriore distrutta, a poco più di una settimana di distanza dalla frattura della clavicola.

L’impressione è che la decisione di operarsi abbia fatto più danni che altro, catapultando Dani in un vero e proprio calvario. A confermarlo sono le parole del dottor Claudio Costa: “la frattura alla clavicola solitamente si recupera in un paio di settimane senza nessuna operazione, se si interviene chirurgicamente c’è sempre il rischio che nascano delle complicazioni. Personalmente io sconsiglio sempre di intervenire”.

Il risultato è che Dani ha dovuto dire definitivamente addio alla possibilità di lottare per un Mondiale che fino all'infortunio l'aveva visto protagonista. Ora si ritrova sprofondato al sesto posto in classifica, con 75 punti di svantaggio dal compagno di squadra Stoner. Pedrosa sarà però sicuramente una pedina importante sulla scacchiera iridata: la sua velocità non è in discussione e con i suoi risultati potrà togliere punti importanti ai pretendenti al titolo. La sua rivalità con Lorenzo non è certo un mistero e Stoner potrebbe avere trovato un alleato decisivo per il proseguo della stagione.

Articoli che potrebbero interessarti