Rossi: voglio battere Stoner

AUDIO Ottime sensazioni sulla Ducati GP11.1 ad Assen dopo le libere sul bagnato

Rossi: voglio battere Stoner

Il buon giorno si vede dal mattino e il secondo tempo conquistato nelle prime libere sul circuito di Assen è senza dubbio un buon risveglio dopo la notte di Silverstone, soprattutto se il “nemico” Stoner è alle sue spalle. Forse per questo motivo, Valentino Rossi sembra non essere troppo dispiaciuto dall’annullamento del turno di prove libere del pomeriggio “certo è un peccato – ammette – come è un peccato non avere provato con la pista asciutta, abbiamo bisogno di fare chilometri con questa moto. Ma le mie sensazione sulla GP11.1 sono state buone”.

L’obiettivo è arrivare davanti a Casey?

Stoner è il punto di riferimento in questo momento, vincere vuol dire batterlo”.

Hai fatto qualche giro insieme a Simoncelli, quali sono state le tue impressioni?

La Honda ha una grande stabilità in uscita delle curve e un’ottima accelerazione, ma sotto questo punto di vista il nuovo cambio Seamless mi ha aiutato. Adesso siamo molto più vicini”.

Vuol dire che siete già pronti per vincere?

Ci sono ancora due o tre cose da migliorare, ma lo sapevamo già dai test con la GP12. Soffriamo ancora un po’ di sottosterzo, che fa parte del carattere delle Ducati, ma in compenso la parte posteriore lavora molto meglio. La moto è più stabile in accelerazione e ha più aderenza, ma bisognerà aspettare di provarla sull’asciutto per vedere quanto siamo vicini alla Honda”.

Quali indicazioni ti hanno dato le prove di questa mattina?

La GP11 andava molto bene sul bagnato e abbiamo avuto la conferma che anche la GP11.1 ha mantenuto questa caratteristica. Anzi, mi piace ancora di più da guidare. Inoltre c’era l’incognita di come si comportasse questa ciclistica con il motore da 800 cc e le sensazioni sono state le stesse che ho provato sulla mille”.

Quindi avete una base di partenza migliore su cui lavorare?

Il problema con la GP11 è che non riuscivamo a trovare un setting standard perché c’erano problemi che non potevano essere risolti solo con le regolazioni. La GP11.1 permette di fare un lavoro più normale”.

Quali sono le differenze rispetto alla GP12?

Sono molto, molto simili, la mille ha più coppia e potenza ed è più divertente da guidare, ma sono piccole differenze”.

Puoi quantificare il vantaggio che ti dà il nuovo cambio?

È difficile, dipende dal numero di cambiate, a seconda del circuito, direi di circa due decimi al giro”.

Per regolamento ti rimangono ancora tre motori fino alla fine del campionato, credi basteranno per dodici gare?

Più che crederlo lo spero, siamo ottimisti. Se non dovessimo farcela valuteremo se partire ultimi con la GP11.1 (come prevede il regolamento in caso di utilizzo di un altro motore oltre ai sei a disposizione per tutta la stagione ndr) o tornare a usare la vecchia moto”.


{mp3}2011/07_GP_ASSEN/rossigiovedi{/mp3}


Fonte audio: www.valentinorossi.com


© GPone.com

Audio: 


Articoli che potrebbero interessarti