Max Biaggi: parola d'ordine, attaccare

Il pilota dell'Aprilia sa che al giro di boa del mondiale è fondamentale vincere

Il mondiale Superbike arriva al giro di boa, con la settima tappa sullo spagnolo Motorland Aragon Circuit. Un tracciato inedito per le derivate di serie, se si escludono i test di inizio anno: in quella occasione il Campione del Mondo, Max Biaggi, non nascose il suo apprezzamento per un circuito spettacolare e tecnico.

Piuttosto lunga (oltre 5.300 metri), la pista spagnola mette alla frusta sia le doti motoristiche che la capacità di trovare il ritmo, alternando forti saliscendi a curve da raccordare ed interpretare al meglio. Doti che non difettano certamente al cinque volte iridato. Preoccupa semmai la condizione fisica di Max che è reduce dalla caduta in prova a Misano. La dolorosa rottura della cartilagine delll'astragalo osso del piede non ha impedito a Biaggi una prova di coraggio e di orgoglio che lo ha portato due volte sul podio. Ma la gara spagnola incombe senza alcuna sosta impedendo il riposo.

"Non sarò certamente al cento per cento - spiega Max - ma direi che me la sono cavata piuttosto bene a Misano e non mi tirerò certamente indietro ora, spero solo di poter lavorare col team senza troppi problemi e impedimenti: se vogliamo tenere aperto il Mondiale non abbiamo alternative. Il circuito mi piace, fin dai primi test ho capito che qui si può veramente fare la differenza e penso sia una pista dove anche la RSV4 si potrà esprimere al meglio. Se riusciremo ad arrivare in gara con le idee chiare ce la giocheremo sicuramente".


Articoli che potrebbero interessarti