Manuela va sempre in '5a' piena

AUDIO: "Melandri mi disse: 'Fa' finta di essere la mia fidanzata'


Lo accoglie in un confortante e ampio abbraccio. “Amore, sei stato bravissimo!”, gli dice al parco chiuso, mentre gli sbaciucchia la testa infilata nel casco.

Lei è Manuela Raffaeta, eletta a furor di popolo la più bella dei paddock. Tutti i paddock. E’ da sette anni la fidanzata di Marco Melandri, con il quale convive in una villa vicino a Ravenna, insieme al coniglietto Tomino.

E’ entrata nel mondo Superbike dall’inizio di quest’anno ed è già la preferita di telecamere e obiettivi; tutti la vogliono, tutti la cercano, tutti rimpiangono la sua presenza solare nei paddock del Motomondiale al punto che in un noto social network è comparso il gruppo ‘Rivogliamo la Manu in MotoGP’. Ma lei era e rimane incredibilmente timida e spontanea, come se non si rendesse conto di quello che suscita il suo incedere angelico tra gomme e bilici, nel pubblico maschile. E al gruppo che la reclama nell’altro Mondiale, risponde imbarazzata: “Ora sono qua in Superbike, venite voi!”.

Manu, che lavoro fai?

“Sono uscita di casa a 15 anni per fare la modella...”

Eri già alta come adesso?

“A 15 anni ero 1,76, in seguito ho acquisito quei tre centimetri che mi sono serviti come botta finale per le sfilate. Ho lavorato per tre anni a Milano come indossatrice facendo sfilate di prèt-à-porter e showroom, queste cose molto semplici. Solo che ho un seno naturale che è una quinta e di conseguenza mi hanno detto di no tanti stilisti, come Armani e Prada. Lì la donna dev’essere senza forme; io stavo nelle loro camicette e le chiudevo perché sono 90cm, però è solo seno, gli stilisti non possono vedere la forma del seno e quindi io facevo casting su casting ma non mi prendevano. In un periodo andavo con una fascia che me lo schiacciava tanto da non farlo vedere, ma appena la scoprivano...”

Insomma, hai provato a barare...

“Sì, le ho provate tutte per nascondere il seno, infatti dopo ho fatto intimo, moda mare e tv come valletta dove cercavano forme, e nei casting finalmente mi chiedevano di mettermi in costume, yeee!”

Eri tutta contenta?

“Sì, sono stata fortunata, tutti i casting che ho fatto li ho passati”.

Come vi siete conosciuti tu e Marco?

(ride entusiasta) ”Ero al Motorshow, stavo lavorando come modella e mi hanno detto: ’guarda che sta arrivando un pilota come ospite’, ci siamo conosciuti, poi gli ho detto dove lavoravo e lui è venuto a trovarmi”.

Per te è stato un colpo di fulmine o ti sei innamorata di lui poco per volta?

“La nostra storia d’amore io la vivo come una favola perché è bella da raccontare. La sera in cui è venuto a trovarmi c’erano tutte le ragazzine che correvano da lui e lui mi ha detto: ’dai, dai, fa’ finta di essere la mia fidanzata’ – e qui la Manu scoppia in una risata emozionata – e io gli ho detto ‘va bene , non c’è problema’. E abbiamo finto bene!”.

...E da allora sono trascorsi sette anni...

“Io dico che ci siamo 'annusati' per un annetto, poi le cose sono diventate più serie perché abbiamo trovato un legame molto forte e molto bello”.

Che cos’ha Marco di speciale?

“E’ come me, nel senso che lo sento come mio, è parte di me. Per me è specialissimo per questo, è solare, è dolcissimo, è sincero. Mi piace tantissimo, infatti lui è un leone come me”.

Come si fa a stargli vicino nei momenti più duri?

“Col sorriso. Ci sono stati momenti difficili, è vero, però bisogna essere realisti nella vita e bisogna affrontarli con tranquillità, perché ci sono cose peggiori. Se uno focalizza le energie solo in una situazione, la vede dieci volte più forte, ma se poi capisce di essere un uomo con la famiglia vicina, la vive meglio e pian pianino...”.

Le donne che sono in tv sono tutte un po’ tirate e rifatte. Guardandoti viene da chiedersi perché una così bella al naturale non conduca un programma e non lavori in tv.

“E’ una crescita. Ho iniziato come valletta e pian pianino mi sono stati proposti alcuni programmi televisivi, però alla fine ho dato priorità a Marco. A stargli dietro, alla nostra casa, al lavoro suo che non è roba da poco e adesso con questa bibita, la Speedrace, per la quale io gli faccio da donna immagine. Stare dietro al tutto è impegnativo”.

Ma io so che tu hai rinunciato a molti programmi  e a calendari sexy che ti hanno proposto, proprio per non fare la parte di quella che va avanti perché è la donna di un pilota...

“Diciamo che nella vita devi fare delle scelte, non puoi fare dieci cose fatte male, meglio farne una o due fatte bene. Io ho scelto quest’ultima”.

Le prossime cose che ‘farai bene’ quali saranno, magari un “Melandrino”? Con i tuoi due nipotini, figli della sorella di Marco, sei perfetta.

“Adesso ci sono le corse, però fra un po’ di anni...”

Ti piacerebbe fare la mamma?

“Eh sì! Assolutamente. Secondo me una donna corona la sua vita con un figlio”.

Dici ‘uno’ o sei una di quelle donne che ne vorrebbe fare dieci?

“Una squadra di calcio? Vediamo! Adesso non ci abbiamo ancora pensato a farne tanti, ma l’intenzione di fare un bambino c’è”.

C’è della rivalità con le altre donne del paddock? Ad esempio, con Eleonora Pedron, la moglie di Max Biaggi?

“La moglie di Max Biaggi non l’ho mai conosciuta, neanche nell’ambiente televisivo. Invece  Pepa (Filippa, la fidanzata di Eugene Laverty, in squadra con Melandri ndr) ... o Pippa non so come si dica... Lei è simpaticissima e solare. Io insegno a lei un po’ di italiano e lei mi insegna un po’ di inglese, quindi ci aiutiamo. Poi c’è la moglie di Haslam che è fantastica, eravamo in un locale in Australia e appena mi ha vista si è fiondata con la testa fra le mie tette... Qua sono tutte simpatiche!”.

Manuela ci aveva promesso le foto delle sue sfilate per questa intervista, ma poiché andrà direttamente ai test di Aragòn, ce le potrà mandare solo la settimana prossima.

“Quelle sono bellissime perché sono ritoccate”, ha promesso. Seppur non vedendo alcuna necessità di ritocco, ci rimettiamo a voi: volete vedere le foto della Manu la settimana prossima? Fatecelo sapere cliccando QUI.

ASCOLTA L'AUDIO

{mp3}2011/04_sbk_monza/manumonzaalice{/mp3}

 

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy