Qui Biaggi a te Rossi

Il romano, protagonista suo malgrado, passa il testimone al pesarese per il GP di Jerez

Share


Se questa settimana si è parlato solo, o meglio prevalentemente, di Max Biaggi, il prossimo sarà il week end di Valentino Rossi. C'è poco da fare, sono ancora i due italiani a dividere le tifoserie, e se il romano ha infiammato gli animi a Donington per la sua lite con Marco Melandri, a Jerez il pesarese tornerà a far discutere i medesimi appassionati per argomenti che saranno la competitività della Ducati e la sua spalla destra.

Già, la spalla: sempre a cavallo fra Superbike e MotoGP non si direbbe che l'operazione subita in tempi recentissimi dal pilota della Yamaha abbia influenzato più di tanto le sue prestazioni a Donington. Al contrario quella del pilota della Ducati continua ad essere un problema. Ci può stare: ogni infortunio è diverso da un altro.  Senza contare che la pista di Jerez è da sempre una delle più ostiche per la moto di Borgo Panigale.

Dopo il terzo posto di Bayliss nell'anno del debutto, nel 2003, la Ducati a Jerez ha vinto nel 2006 con Capirossi, mentre nell'era della 800cc è salita sul podio con Stoner solo  nel 2009.

Valentino Rossi, dal canto suo, oltre a tre podi, sulla pista andalusa ha conquistato sette vittorie, di cui cinque in MotoGP,  dunque sembrerebbe difendersi bene a Jerez. E Hayden? Beh, l'americano oltre al podio del 2006, l’anno scorso ha ottenuto un buon quarto posto.

“Il Qatar, con  le sue tante “entrate” e frenate sulla destra, era una pista impegnativa per la mia spalla - ha messo le mani avanti Valentino - Vedremo se invece Jerez, sotto questo punto di vista, potrà essere un po’ più facile, anche se credo bisognerà stringere i denti ancora per un po’. In questi giorni ho continuato ad allenarmi in palestra per cercare di aumentare forza e soprattutto resistenza ma sarà dopo la Spagna, con la cancellazione del Gran Premio del Giappone, che avrò quasi un mese per recuperare decisamente.  Dal punto di vista tecnico, Jerez pare non essere la pista più favorevole per la Ducati ma vedremo, a me è sempre piaciuta molto e dobbiamo sicuramente provare a far meglio che in Qatar. Per il momento continueremo a lavorare sul set up, utilizzando tutto quello che abbiamo capito durante la prima gara, per la quale avevamo comunque trovato delle buone soluzioni”.

A Jerez, inoltre, la Ducati ha provato moltissimo con il collaudatore Franco Battaini e con il team manager Vittoriano Guareschi. Un po', magari poco, ma questi dati aiuteranno. Per qualcosa di maggiormente significativo, ovviamente, dovremo attendere fin dopo il GP del Portogallo, quando arriveranno alcune evoluzioni di telaio, ma l'impressione è che a Bologna stiano già lavorando molto anche sull'elettronica per migliorare la situazione.

RECORD DEL CIRCUITO DI JEREZ

Record Ufficiale: Dani Pedrosa (Honda - 2010), 1’39.731 – 159.657 Km/h

Best Pole: Jorge Lorenzo (Yamaha - 2008), 1’38.189 – 162.164  Km/h

Lunghezza Circuito: 4,423 km

Gara MotoGP 2011: 27 giri (119,421 km)

Orario Gara MotoGP 2011: 14:00 Ora Locale

PODIO 2010 : 1° Jorge Lorenzo, 2° Dani Pedrosa, 3° Valentino Rossi

POLE 2010: Dani Pedrosa (Honda – 2010), 1’39.202 – 160.508 km/h

TUTTI I RISULTATI DELLA DUCATI A JEREZ (MIGLIORE)

2010: 4° (Hayden)

2009: 3° (Stoner)

2008: 11° (Stoner)

2007: 5° (Stoner)

2006: 1° (Capirossi)

2005: 10° (Checa)

2004: 12° (Capirossi)

2003: 3° (Bayliss)

Tutti i risultati di Rossi a Jerez in MotoGP

2010: Qualifica: 4°; Gara: 3°

2009: Qualifica: 4°; Gara: 1°

2008: Qualifica: 5°; Gara: 2°

2007: Qualifica: 2°; Gara: 1°

2006: Qualifica: 9°; Gara: 14°

2005: Qualifica: 1°; Gara: 1°

2004: Qualifica: 1°; Gara: 4°

2003: Qualifica: 5°; Gara: 1°

2002: Qualifica: 1°; Gara: 1°

Articoli che potrebbero interessarti