Tu sei qui

FIM: in linea di principio, sì a Motegi

Analisi definitiva della situazione a giorni, e comunicato finale al Mugello

Moto - News: FIM: in linea di principio, sì a Motegi

Con un comunicato di dieci righe esatte, la Federazione Internationale ha annunciato che il Gran Premio del Giappone, in linea di principio, si farà. E con esso, anche ogni altra manifestazione promossa dalla FIM ed in calendario nell'arcipelago dell'Est asiatico. Dopo la fuoriscita di materiale radioattivo dalla centrale di Fukushima, e considerato che il circuito di Motegi si trova a meno di 150 chilometri in linea d'aria dall'epicentro del disastro, il paddock del Motomondiale (piloti, meccanici, stampa) si sta interrogando sulla opportunità di effettuarlo quest'anno. L'opinione largamente prevalente è per non effettuare la trasferta (si sono espressi contro, tra gli altri, Lorenzo, Rossi, Simoncelli, Stoner, anche se con sfumature diverse). Per la Federazione, "in linea di principio" non ci sarebbe motivo di rinunciare. Ecco il testo.

"Il comitato  direttivo della FIM valuterà la situazione in Giappone nel corso di una riunione che si terrà a Ginevra il prossimo week-end. Inoltre, nella settimana entrante è previsto un colloqui ocon i rappresentanti della Federazione Motociclistica del Giappone.

In linea di principio, dato che Suzuka e Motegi sono situate al di fuori delle zone di esclusione ed evacuazione,e basandosi sulle informazioni ricevute da una relazione indipendente, da agnezie - comprese numerose di carattere governativo -,dalla Organizzazione Mondiale della Sanità, dalla Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, gli eventi previsti in Giappone nell'ambito dei campionati mondiali FIM si  terranno come da programma. Un annuncio definitivo sarà effettuato dal Presidente della FIM al Mugello, nei giorni del Gran Premio".


Articoli che potrebbero interessarti