Dovizioso 2°: ok per wet e dry

Il forlivese è ancora in cerca di lavoro per il 2011 e nel frattempo va fortissimo


Le Honda vanno forte, anzi, fortissimo. Anche Dovizioso va forte, anzi fortissimo.

Secondo oggi nelle prove libere (1, 48,387) il pilota di Forlì non sa ancora bene quale sarà il suo futuro nel 2011 e ne sta approfittando per collezionare splendide performances che ne rendono la presenza nell'uno o nell'altro team sempre più appetibile. La Honda pare stia facendo il possibile per schierare l'anno prossimo tre moto, ma nulla è ancora sicuro. Nel frattempo Fausto Gresini si fa venire l'acquolina in bocca ogni volta che lo vede correre: lo vuole, è “la prima scelta”, il suo sogno.

E Andrea spalanca il gas.

“Sono contento - ha detto Andrea - per questo secondo tempo e soprattutto perché abbiamo iniziato questo fine settimana con il piede giusto. Questo circuito è particolare, con violente accelerazioni e forti frenate e curve molto lente, per questo è importante trovare un buon compromesso per controllare le impennate della moto e nello stesso tempo sfruttare al meglio l’accelerazione della moto. Abbiamo provato due diversi set up e sono contento perché stiamo lavorando nella giusta direzione e soprattutto c’è margine di miglioramento. Ho fatto il giro più veloce con le gomme usate durante l’intero turno e non abbiamo provato le dure che sembrano dare dei vantaggi.

Per noi è un buon inizio, anche se il primo turno in giappne è sempre un po' difficile, bisogna prenderci la mano, e il ritmo. mentre sono dispiaciuto per Dani.  Ero attaccato dietro di lui quando è caduto ed è stato un brutto incidente, è slittato a destra per girare a sinistra, un incidente strano, la moto quando ha impattato la ghiaia l'ha schiacciato sotto per tre volte. Lì si va in terza, a 160 km/h. Spero che guarisca presto”.

Ti senti forte nell'eventualità di una gara bagnata?

“Abbiamo provato sul bagnato solo due volte, al Sachsenring e ad Aragon Siamo forti anche sul bagnato”.

Articoli che potrebbero interessarti