Tu sei qui

La carena di Biaggi contro l'AIDS

La casa di Noale supporta la campagna "Fermiamo l'AIDS sul nascere"

Moto - News: La carena di Biaggi contro l'AIDS

Share


Aprilia ha aderitoalla campagna “Fermiamo l’AIDS sul nascere” dell’organizzazione umanitaria Cesvi, sostenuta da Radio Deejay per contrastare la diffusione del virus Hiv da madre a figlio in Zimbabwe.

Una carena in carbonio – completa di cupolino, fiancate e codino – della Aprilia Alitalia RSV4 SBK, la moto campione del mondo con Max Biaggi nel mondiale Superbike 2010, è all’asta sullo spazio e-bay di Cesvi .

Aprilia RSV4, nella elegante livrea tricolore di Alitalia, è stata la moto italiana più vincente nei campionati mondiali velocità del 2010. Con dieci vittorie sulla sua RSV4 Max Biaggi si è laureato Campione del Mondo SBK regalando ad Aprilia anche il mondiale costruttori e realizzando un doppio trionfo tutto italiano.

Ventiquattro ore di diretta su Radio Deejay, durante tutta la giornata di domenica 19 dicembre, condotte dal Trio Medusa, serviranno a raccogliere fondi e a battere all’asta i molti oggetti donati da personaggi famosi dello sport e dello spettacolo. Memorabilia già visibili su e-bay, dove l’asta è in corso e dove la carena numero tre di Biaggi sta riscuotendo grande successo: le offerte ricevute sono a oggi le più numerose tra i molti oggetti all’asta e testimoniano della grande popolarità del binomio Biaggi-Aprilia.

Dal 2005, primo anno dell’iniziativa, ad oggi Radio Deejay e i suoi ascoltatori hanno aiutato il Cesvi raccogliendo la cifra di 445.000 euro contribuendo a garantire - in Zimbabwe - il test Hiv ad oltre 80.000 donne, a 4.500 bambini la terapia farmacologica, a 2.000 operatori sanitari la formazione e a centinaia di migliaia di persone la partecipazione ad attività di sensibilizzazione sul tema dell’Aids e sulle modalità di prevenzione.

Aprilia invita tutti gli appassionati motociclisti a sintonizzarsi sulla maratona radiofonica di Radio Deejay di domenica prossima e a collegarsi alle pagine Cesvi su e-bay per fare un’offerta e replicare nel campo del sociale i successi conseguiti sui circuiti di tutto il mondo.

 

Articoli che potrebbero interessarti