Tu sei qui

Valentino ultimo delle Yamaha

Rossi ammette: "non sono velocissimo - e aggiunge - ma che sfortuna..."

Moto - News: Valentino ultimo delle Yamaha

Share


“Non ricordo quando mi sono ritrovato ultimo dei piloti Yamaha”, mormora Valentino Rossi, osservandosi con cura la punta delle scarpe. Ultimo ad un secondo e mezzo da Stoner, ad uno da Lorenzo, a due decimi da Spies. Ed il fatto che i due portacolori di Tech3 siano andati bene, solleva un po’ anche le sue quotazioni, quando pensa alla possibilità di trovare un rimedio alla situazione tecnica, lavorando questa sera e domani.

Però, più che un problema di elettronica o meccanica, gli sembra che sia stata la sfortuna, a metterci lo zampino. Almeno per una buona parte.

“Va bene, non ero velocissimo. Però, Al primo tentativo, c’era in traiettoria Espargarò, che andava piano. Al secondo, davanti a me è caduto Hayden, e mi sono ritrovato la moto in pista. Al terzo, è iniziato a piovere… non fosse stato così, penso che terzo o quarto posto avrei potuto ottenerlo”.

La pioggia trovata quest’anno la si ritroverà anche l’anno prossimo, probabilmente, a meno di non modificare la collocazione del GP nel calendario. Non è un argomento nuovo, ed i piloti spesso si sono espressi a favore di una nuova data: “Speriamo che si torni qui quando fa più caldo” ha detto Rossi. Però le speranze sono poche, per gli interessi contrapposti. Sar bene non dimenticare le rain nemmeno nel 2011.

“Dobbiamo migliorare il passo - aggiunge Valentino  - e qualche idea l’abbiamo. Il problema principale è mandare in temperatura le gomme (morbide nella parte destra, dure in quella sinistra N.d.R.). La situazione non è per niente buona: tra cattiva e pessima”.

E questo, con maggiore o minore incidenza, è un problema che soffrono tutti.

 

Articoli che potrebbero interessarti