Tu sei qui

Moto2: revisioni più frequenti

Il cambio del propulsore non è ogni tre gare come ci si aspettava

Moto2: Moto2: revisioni più frequenti

A Le Mans abbiamo registrato il cambio anticipato dei motori della Moto2. Secondo gli annunci fatti alla vigilia del campionato 2010, infatti, le unità della nuova classe di mezzo dovevano essere fatte ruotare con altre revisionate dopo 3 gare.

Bene, Le Mans era la terza, quindi, in teoria i motori dovevano essere sostituiti al Mugello e non in Francia.

Abbiamo ricercato allora la norma, sul regolamento 2010 della Motogp-Moto2-125 che parla di questo tema si legge: Gli organizzatori de campionato possono richiedere che i motori siano restituiti al completamento di determinati eventi e/o periodo di manutenzione (art. 2.3.6. 5). Ciò è alla sola discrezione degli organizzatori del campionato ed i Teams devono dare seguito a tali richieste.

Fin qui si parla chiaro, dunque, non esiste un range minimo o massimo di gare dopo le quali si debba fare la manutenzione programmata. Le intenzioni certamente erano quelle di arrivare alla rotazione dei motori, almeno ogni tre gare, ma qualcosa, in questo caso è successo per far anticipare il tutto.

A Jerez, infatti, ci sono stati i primi casi di rottura dei motori Honda. Tre le moto coinvolte, delle quali non si conosce il nome con certezza. Una di queste potrebbe essere quella di Hector Faubel che guida una Suter del Marc VDS Team.

Facciamo due conti, ammettendo che le gare della Moto2 sono 17 e che il cambio dei motori, dopo l'episodio Le Mans avvenga ogni tre gare, verranno utilizzate sei rotazioni a moto. Se invece la scelta fatta dalla GeoTecnology avvenisse ogni due GP la Moto2 farebbe girare nove motori, con uno da usare solo per una gara.

A questo punto sorge di nuovo l'incognita fondamentale che potrebbe minare il principio primo che ha fatto nascere la Moto2 a discapito della 250: il costo. A fronte di probabili maggiori rotazioni dei motori e quindi di revisioni più frequenti, possono i costi a carico delle squadre aumentare?

Probabilmente si, l'onere economico delle operazioni tecniche che ogni team affronta per "l'affitto" dei propulsori obbligatori è già molto cospicuo ed è stato già ritoccato verso l'alto alla vigilia del campionato.

Articoli che potrebbero interessarti

 
Privacy Policy