Tu sei qui

Suzuki a Parigi

Svelata la GSR, una delle novità più attese a Parigi!

Moto - News: Suzuki a Parigi

Share


Tra gli innumerevoli appuntamenti parigini pre-Salone, la conferenza stampa Suzuki è stata indubbiamente tra le più attese. Tra le novità da scoprire, infatti, non c'erano solamente le nuove sportive GSX-R 600/750 e la Bandit 1200 ma anche una inedita scarenata dal sapore sportivo che in Suzuki hanno voluto chiamare GSR.

GSR
Il riferimento alle sorelle pistaiole è immediato...e non solo nel nome. La parte meccanica, infatti, riprende a piene mani le esperienze maturate in pista e così ci si ritrova con un eccellente propulsore da 600 cc. derivato dalla GSX-R ed incastonato in un super-telaio in alluminio di nuova concezione; da notare che il forcellone posteriore, sempre in alluminio, è dotato di una generosa capriata di riforzo.

Da un punto di vista puramente stilistico, a mio parere, il compitino è ben fatto. E' evidente che in alcuni dettagli non si è voluto osare - come nel caso delle forme del serbatoio o il taglio della sella - e forse l'utilizzo di materiali plastici è un po' troppo esteso. Ma considerando che si tratta, in assoluto, della prima realizzazione Suzuki in questo ambito c'è da togliersi tanto di cappello e non c'è dubbio che questa moto possa fare grandi numeri.

Il prezzo non è stato reso noto ma di sicuro sarà in linea con quello delle cugine Yamaha FZ6, Honda Hornet 600 e Kawasaki Z750.

GSX-R
Completamente rivoluzionate anche le GSX-R 600 e 750. 161 e 163 kg alla bilancia già basterebbero per ipotizzare tempi sul giro da paura, ma se nel conto ci infiliamo anche un nuovo telaio, un motore più performante ed una aerodinamica - a detta dei tecnici Suzuki - decisamente più affilata si può immediatamente capire che anche questa volta Suzuki ha voluto fare le cose in grande.
Stessa moto, doppia cilindrata, e dunque analoghe soluzioni tecniche: sicuramente quella che colpisce di più è il posizionamento dello scarico, che inevitabilmente va "mettere il naso" anche nel capito design: sì perchè sul lato destro o sotto la sella non c'è traccia di silenziatore. Tutto è stato infilato sotto al motore e l'unico riferimento allo scarico è quel piccolo tubo "carenato" che arriva a fatica nelle vicinanze del forcellone: il motivo? La ricerca della massima centralizzazione delle masse.

GSF Bandit 1200
Capitolo a parte merita l'immortale Bandit. Quest'anno è la volta della 1200: le soluzioni stilistiche sono quelle che da sempre decretano il successo del modello anche se il taglio del cupolino della "S" è decisamente più sportivo del solito e riprende in tutto e per tutto quanto proposto dalla versione 650. Gli obiettivi perseguiti sono stati il miglioramento del confort e della guidabilità, aspetti fondamentali per una moto di questa categoria.

Non ci rimane che aspettarle in concessionaria. Appena avrete modo di toccarle con mano, fateci sapere che ne pensate.

Articoli che potrebbero interessarti