MotoGP, Crutchlow: "Non sono un eroe né un robot, piaccio perché sono diverso"

"Ho sempre detto quello che pensavo e non ho mai mentito, alcuni piloti pensano di essere sopra agli altri. Ora passo il mio testimone a Miller e Lowes"

Share


Sicuramente Cal Crutchlow mancherà molto alla MotoGP. Non solo per il suo talento, ma anche per il suo carattere, così ‘vecchia scuola’ e lontano dal politicamente corretto. Se il britannico è entrato nel cuore di tanti tifosi è stato anche per la sua sincerità, che non l’ha abbandonato per tutta la sua carriera e tanto meno ora che ha finito i suoi giorni da pilota per diventare collaudatore per la Yamaha.

Cal ha rilasciato un’intervista a crash.net dove ha raccontato il suo modo di essere pilota: “io dico quello che dico perché è quello che credo. Sia giusto o sbagliato è difficile saperlo, ma non dico bugie”.

Per questo Crutchlow piace agli appassionati e anche ai giornalisti.

Alla fine penso che la gente mi abbia rispettato per questo, perché sono diverso - continua - Sono diverso dai robot che danno tutti l'immagine aziendale e le risposte aziendali che i costruttori vogliono. Penso che abbia funzionato bene per me nel corso degli anni e ha funzionato bene anche per i miei sponsor”.

Un pilota che non sta sul piedistallo.

Sono più vicino alle persone che ci guardano come fossimo degli eroi o qualcosa del genere, ma in realtà non lo siamo - spiega - Facciamo solo bene il nostro lavoro, come altra gente fa bene il loro. Penso sia questo il motivo per cui ho avuto una buona sintonia anche con le persone non coinvolte nelle corse, perché alla fine non sono diverse da me. Mentre, come sappiamo, molti piloti pensano di essere al di sopra degli altri perché sono in una posizione privilegiata.

Cal ha scelto di mettere fine ai suoi giorni da pilota, soprattutto per stare vicino a sua figlia Willow.

Voglio portare mia figlia a scuola, ho già provato a programmare con Yamaha di non fare prove quando andrà a scuola per la prima volta” ha rivelato.

Crutchlow non ha rimpianti sulla sua scelta.

"Quello che non mi mancherà, ed è il motivo per cui ho preso la mia decisione, sono cose come i viaggi e la parte politica delle corse. Li ho affrontati per molto tempo, penso di aver fatto un buon lavoro gestendoli al meglio, ma non puoi gestire quello che succede tra i produttori, le regole, eccetera. Non mi mancherà quella parte. Ma forse non mi piace rispettare le regole”.

Cal ha anche fatto il nome dei suoi eredi.

Passo il testimone a Jack Miller per quanto riguarda il parlare in modo diretto e a Sam Lowes per la mia parte dura” ha detto.

Articoli che potrebbero interessarti