SBK, Sylvain Guintoli in Endurance con Yoshimura SERT Suzuki

Il francese si unisce a Black, Simeon e Watanabe per difendere il titolo conquistato da Suzuki nella passata stagione. Una squadra equilibrata e pronta alla prima sfida ad aprile con la 24 Ore di Le Mans

Share


La compagine SERT ha concretizzato una partnership ancora più solida con Yoshimura per conquistare nuovamente il titolo EWC per la Suzuki nella stagione 2021. Saranno quattro gli alfieri che difenderanno i colori di Hamamatsu in Endurance, con Sylvain Guintoli, tester per la Casa giapponese in MotoGP, destinato a rappresentare la punta di diamante della squadra completata da Kazuki Watanabe, Gregg Black e Xavier Simeon. 

Il primo appuntamento della stagione sarà a Le Mans il 17 e 18 aprile, dove la squadra tenterà l'assalto alla celebre 24 Ore, un evento prestigioso da cui far partire la caccia al titolo. Yohei Kato, Team Director della squadra, ha accolto in questo modo i piloti.

"Siamo molto lieti di dare il benvenuto a questi meravigliosi piloti, tra cui un pilota di riserva del nostro nuovo team, Yoshimura SERT Motul. Quando ho scelto i piloti del 2021, mi sono concentrato sulla stabilità e sulla dedizione alla squadra, quindi sulla velocità e sull'equilibrio nel team. Per prendere la decisione, ho rispettato l'opinione del team manager Damian e sento che saremo in grado di avere uno schieramento molto equilibrato per proteggere il titolo. Sia Sylvain che Kazuki sono profondamente coinvolti nel team Yoshimura che corre alla 8 Ore di Suzuka, e come sapete, e Sylvain è responsabile dello sviluppo della Suzuki MotoGP che ha vinto il titolo mondiale l'anno scorso. Kazuki è anche il tester che sviluppa questo progetto EWC, e sono molto grato per il suo lavoro".

In squadra anche Black e Simeon, un volto molto noto anche nel paddock del motomondiale. 

"Greg è stato un gran lavoratore nel SERT - ha continuato Kato -  ha guidato il team alla vittoria del titolo mondiale. Xavier si è unito alla SERT a metà dello scorso anno e ha mostrato una grande costanza. Nella sua carriera, ha affinato le sue capacità nel motomondiale, in Moto2 e MotoGP, e mi aspetto ulteriori miglioramenti nel 2021".

Anche il francese Guintoli ha commentato la notizia dell'ingaggio, che lo porta ad essere una pedina sempre più importante per Suzuki nel panorama delle competizioni internazionali. 

"Questa nuova sfida è molto emozionante. Ho corso con il Team SERT in passato, alla 8 Ore di Doha 2010, e in tre occasioni con il Team Yoshimura, sempre alla 8 Ore di Suzuka. Quindi è fantastico poter sfidare tutti insieme per l'intero Campionato Mondiale Endurance".

Gregg Black faceva già parte del team vincitore del titolo nel 2020, ed ha trovato la più che meritata conferma per questa stagione. 

"Dopo aver vinto il Campionato Mondiale Endurance nel 2020, non vedo l'ora che arrivi la nuova stagione, soprattutto con il forte sostegno di Yoshimura insieme a Suzuki e SERT. Inoltre, abbiamo la nuova collaborazione con Bridgestone che sarà molto interessante. Con l'uscita del nuovo calendario ufficiale sappiamo che la prima gara si terrà alla 24 Ore le Mans di aprile, quindi continuerò a prepararmi per essere al 100% per questo primo evento della stagione".

Molto determinato anche Xavier Simeon, che sta trovando nell'Endurance lo scenario giusto per sfoggiare il proprio talento.

"Sono abbastanza soddisfatto della collaborazione più intensa tra SERT e Yoshimura. Per il 2021 l'obiettivo sarà quello di mantenere questo numero uno sulla targa. Mi sento a casa con il Team e mi piace guidare la GSX-R1000 e sono anche contento di accogliere Sylvain e Kazuki nel Team, e con Gregg sono sicuro che faremo una buona squadra".

Il giaponese Kazuki Watanabe è l'ultimo ad essere entrato nella famiglia, pur conoscendo perfettamente la Suzuki GSX-R 1000 per la propria esperienza in Giappone nell'All Japan SBK ed ovviamente alla 8 Ore di Suzuka. 

"Sono così orgoglioso ed emozionato di far parte della Yoshimura SERT Motul. Ho lavorato molto per sviluppare la moto per il mondiale EWC lo scorso anno. E' stata un'esperienza nuova per me, concentrarmi per lavorare come collaudatore, e sono riuscito ad avere una comprensione più profonda della Yoshimura Suzuki GSX-R 1000. Non vedo l'ora di scendere in pista e vorrei sapere come si sentono i miei compagni di squadra con la moto. E' una nuova sfida per me gareggiare in EWC oltre alla classica di Suzuka e non ho mai vissuto una gara di 24 ore prima d'ora e farò del mio meglio per la squadra".

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti