Colpo di scena alla Dakar: Cornejo cade e si ritira, in testa c’è Benavides!

La gara perde il suo leader e ora la sfida si infiamma con Ricky Brabec che torna di prepotenza in lotta per la vittoria e 5 piloti in 15 minuti

Share


È la Dakar dei colpi di scena! Già, perché dopo la caduta di Toby Price nell’anello di Neom, questa volta la sorte si è accanita nei confronti di Ignacio Cornejo. Il pilota cileno della Honda, leader fino a stamani della generale, è infatti finito a terra al chilometro 252.

Nonostante l’inconveniente, il cileno è riuscito a ripartire, concludendo la speciale con l’undicesimo tempo. Al termine della prova però, il sudamericano non si sentiva bene e allora ha deciso di farsi visitare dal personale medico. Una volta terminato l’incontro con i medici, ecco la decisione di ritirarsi dalla Dakar.

Una notizia che stravolge non poco il copione di questa 43^ edizione del Raid, anche perché ora c’è Kevin Benavides in testa alla corsa, grazie a un margine di soli 51 secondi nei confronti di Ricky Brabec.

Che dire: giù il cappello di fronte alla prestazione super del campione in carica della Dakar, protagonista della vittoria di tappa nella speciale che portava ad AlUla davanti a Barreda. L’americano ha infatti chiuso il mercoledì in 3 ore 12 minuti e 33 secondi, precedendo lo spagnolo di 3 minuti e 15 secondi.

Ora la sfida diventa davvero incandescente, perché in soli 15 minuti ci sono ben  cinque piloti. Tra questi compare anche Sam Sunderland, che in virtù del ritiro di Cornejo sale al terzo posto con la KTM seguito dalla Honda di Barreda. Più attardato invece Skyler Howes, il quale paga oltre mezz’ora seguito da Daniel Sanders e Lorenzo Santolino con Sherco poi la Husqvarana di Pablo Quintanilla.

Domani la penultima prova del raid poi venerdì il gran finale con arrivo a Jeddah.

 

Articoli che potrebbero interessarti