MotoGP, La Malesia in stato di emergenza: i test di Sepang sono a rischio

Lo Stato di Selangor è in lock-down fino al 26 gennaio e le frontiere restano chiuse. Le prove invernali potrebbero venire spostate a Jerez

Share


Fino a poche settimane fa i primi test invernali della MotoGP, programmati dal 19 al 21 febbraio a Sepang, sembravano salvi. Dorna aveva preparato uno stringente protocollo a cui attenersi (che comprendeva che tutti gli addetti ai lavori alloggiassero nello stesso hotel) e aveva trovato un accordo con le autorità locali.

Purtroppo, negli ultimi giorni, la situazione sanitaria in Malesia è peggiorata: nella scorsa settimana si è superata la soglia dei 3.000 contagi al giorno, con 138.000 positivi in totale e 555 decessi. Visti i recenti sviluppi, come riporta il quotidiano Nikkei, re Abdullah ha accolto la richiesta del Primo Ministro e ha proclamato oggi lo stato di emergenza, che potrebbe rimanere in vigore fino ad agosto.

Oltre a ciò, fino al 26 gennaio, nello Stato di Selangor (di cui fa parte Sepang) è in lock-down, il che comporta la chiusura delle scuole e la sospensione di attività sportive, ricreative, religiose, sociali e culturali. Al momento le frontiere malesi rimangono chiuse, con l’eccezione di chi abbia permessi di soggiorno di lunga durata o permessi brevi di lavoro.

Considerata la situazione, si può ben capire come i test della MotoGP siano a rischio e Dorna ha già un piano B. L’alternativa, infatti, è quella di organizzarli in Europa, in questo senso il circuito di Jerez sembrerebbe in pole position, anche per le sue condizioni climatiche. Altrimenti, un’altra possibilità sarebbe quello di Portimao.

Articoli che potrebbero interessarti