Barreda e la Honda centrano la vittoria nella 4^ tappa, rincorre Price

Lo spagnolo ha preceduto la Yamaha di Branch e la KTM di Sanders, mentre si perde Price, che rimedia ben 15 minuti, De Soultrait nuovo leader della generale

Share


L’anello di Wadi Ad-Dawasir aveva messo a dura prova nella giornata di martedì la Honda, tanto che Joan Barreda è stato costretto a rincorrere. Questa volta però il copione si è ribaltato, dal momento che nella quarta prova della gara, che conduceva la carovana alla capitale Riad, il portacolori HRC ha fatto la voce grossa.

Giù il cappello di fronte a quanto mostrato dall’iberico, che ha chiuso gli 813 km in 2 ore 46 minuti e 50 secondi. La prestazione odierna rilancia quindi le ambizioni dello spagnolo, che ora occupa la seconda posizione nella generale a soli 15 secondi dalla Husqvarna di Xavier de Soultrait, nuovo leader della corsa.

Il francese ha chiuso il mercoldì in quinta posizione a poco più di sette minuti dal vertice. Hanno saputo fare meglio piloti come Daniel Sanders, il migliore in casa KTM, nonché autore del terzo crono alle spalle della Yamaha di Ross Branch, così come Luciano Benavides, il quale si è inserito in quarta posizione.

Detto di Sanders, per KTM non è stata proprio una giornata da incorniciare. Già, perché Toby Price ha commesso un errore di navigazione, arrivando a fine prova con quasi 15 minuti di ritardo e ritrovandosi ora all’ottavo posto dell'assoluta. Ha invece perso la leadership dell’assoluta Sykler Howes, soltanto 20° e ora quinto nella generale da Benavides e l’altra KTM di Sam Sunderland.

Resta invece fuori dalla top ten il campione in carica del Raid, ovvero Ricky Brabec, giunto quest’oggi a Riad con oltre dodici minuti di ritardo rispetto al proprio compagno di squadra. Lo statunitense è 15° nell’assoluta e dovrà rincorrere. 

Articoli che potrebbero interessarti