MotoGP, Franco Morbidelli sulla scia di Valentino Rossi al Monza Rally

Il prossimo weekend il pilota Petronas farà il proprio debutto nel Mondiale Rally a distanza di quasi 20 anni da quando il Dottore corse al RAC

Share


È il pilota che ha vinto più edizioni di tutti al Monza Rally, ovvero ben sette. Stiamo parlando di Valentino Rossi, il cui debutto alla corsa brianzola risale al 1997 in coppia con Piero Longhi. Per anni l’appuntamento lombardo è stato uno di quelli dove mancare era davvero vietato, tanto che assieme a lui partecipò pure papà Graziano.

Peccato che la tradizione portata avanti nel tempo tra Rossi e Monza sia stata interrotta lo scorso anno, quando Valentino ha pensato bene di scegliere la Ferrari GT3, presentandosi al via della gara di Abu Dhabi con il team Kessel. Una scelta che ha regalato soddisfazione e convinto il 46, tanto da rinunciare al rally per il secondo anno consecutivo. 

Al suo posto però ci sarà Franco Morbidelli, chiamato a raccogliere l’eredita del nove volte iridato. Sarà un qualcosa di veramente inedito per il portacolori Petronas, che si presenterà ai blocchi di partenza del Monza Rally al volante di una Hyundai i20 R5, grazie alla collaborazione con Withu, che ha reso possibile l’operazione.

Questa primavera, Morbidelli provò la Hyundai R5 in occasione di una giornata organizzata in Toscana da parte dello sponsor e a quanto pare è stato amore a prima vista. Nella giornata di lunedì, il romano di Tavullia sarà infatti a Verona per prendere confidenza con la vettura, in seguito si dirigerà Monza per svolgere le ricognizioni in vista dell’inizio della gara, prevista giovedì.

A seguito della diffusione del COVID-19, la FIA ha dovuto rivedere il calendario del Mondiale Rally e di conseguenza Monza ha ottenuto la qualifica di tappa finale del Campionato del Mondo. In pista ci saranno quindi tutte le stelle delle serie, pronte a giocarsi il titolo, come Evans, Ogier, Neuville e Tanak, impegnate al volante delle WRC Plus. Con loro anche Franco Morbidelli, che farà quindi il proprio debutto in una gara del Mondiale a distanza di 18 anni, da quando Valentino Rossi corse con Carlo Cassina al RAC, ovvero nel Regno Unito.

Una prima volta sfortunata per il Dottore, che uscì di scena nel corso della prima prova dopo soli 18 km dal via. A Morbidelli auguriamo di fare meglio. Magari come fece Valentino nel 2006, quando in Nuova Zelanda chiuse undicesimo con la Subaru alla sua seconda apparizione nel Mondiale, oppure 12° nel 2008 in Galles con la Ford. Ovviamente per Franco sarà praticamente impossibile tenere testa a vetture come le WRC Plus, molto più potenti rispetto alla sua Hyundai R5. Prima di pensare al risultato, siamo convinti che Morbidelli sfrutterà il prossimo weekend per divertirsi e fare esperienza. E chissà che magari non possa nascere una nuova passione oltre le due ruote. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti