SBK, Gli avversari si fermano, Rea no! Test ad Aragon per la nuova Kawasaki

Rea e Lowes torneranno in azione mercoledì e giovedì insieme a Pedercini, tutte le altre squadre aspettano invece il 2021

Share


L’abbiamo vista in azione per la prima volta settimana scorsa, sulla pista di Jerez, la ritroveremo nuovamente protagonista nelle giornate di mercoledì e giovedì. Stiamo parlando della nuova Kawasaki, che sulla pista spagnola ha fatto il proprio debutto con con Johnny Rea e Alex Lowes.

Per la coppia si preannuncia però un nuovo appuntamento. Già, perché domani e dopo il duo KRT sarà di scena sul tracciato di Aragon per l’ultima uscita di questo 2020. Una pista completamente diversa nella sua conformazione rispetto a Jerez, che come ben sappiamo si presenta stretta, piccola e con pochi rettilinei.

Il layout del Motorland è invece l’opposto, tanto da vantare ben due lunghi rettilinei, dove il Cannibale potrà valutare accuratamente alcuni aspetti della ZX-10RR di ultima evoluzione, su tutti il motore.

È stata questa una delle aree su cui si sono concentrati ad Akashi, tanto da aver aumentato di 600 giri il propulsore rispetto alla versione precedente, arrivando a 900 giri dalla Ducati V4.

La curiosità è che ad Aragon, a parte Kawasaki, non ci saranno altre squadre ufficiali impegnate. Ducati e Yamaha, così come Honda, hanno infatti deciso di aspettare il 2021 per tornare nuovamente in pista e lo stesso discorso vale per la BMW, attesa con la nuova M 1000 RR.

Insomma, Rea avrà un vantaggio non da poco per affilare le armi e arrivare preparato al primo appuntamento del nuovo anno, ovvero i test di Jerez del prossimo 20-21 gennaio. A fare compagnia al team ufficiale sarà però Lucio Pedercini. La squadra tricolore ha aderito all’appuntamento e scenderà in pista con Loris Cresson. Lo farà però con la versione precedente della ZX-10RR e non l’ultima evoluzione, quest’ultima disponibile solo nel nuovo anno.

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti