SBK, Locatelli: "Rea? Solo lui sa cosa mangia per fare certi tempi"

Andrea scherza dopo il super tempo di Johnny a Jerez: "Al momento non posso permettermi di prenderlo come riferimento, ma devo studiarlo"

Share


Quella di Jerez era la seconda uscita per Andrea Locatelli in sella alla Yamaha R1. In Spagna il pilota bergamasco ha avuto modo di affilare le armi in vista della prossima stagione, con l’obiettivo di prendere sempre fiducia e farsi trovare pronto in vista del nuovo Campionato.

Al termine della due giorni il bilancio del portacolori PATA è positivo e incoraggiante, nonostante il secondo e mezzo incassato da Rea, che lo vede chiudere all’ottavo posto. Ovvio che è inutile cercare ora paragoni col Cannibale, meglio infatti concentrarsi su di sé.

“A livello di cronometro sono abbastanza soddisfatto – ha esordito Andrea - siamo riusciti a fare un buon passo avanti con la gomma da gara, cercando al tempo stesso di capire come e dove migliorare. Purtroppo non potremo fare nuovi test prima del 2021, ma sono comunque soddisfatto per tutti i chilometri percorsi in questi giorni. Le sensazioni sono buone, così come gli interventi fatti con l’assetto”.

La sua mente è focalizzata quindi sul Mondiale Superbike, senza avere alcun tipo di rimpianto.

“Il passato non voglio più considerarlo, mi interessa solo il cammino che sto percorrendo ora. So di avere la possibilità per lavorare ancora di più e mi ritengo soddisfatto di dove sono. Penso quindi che potremo essere pronti per il nuovo Campionato”.

Non manca poi una battuta su Rea, autore del miglior tempo di giornata.

“Sa solo lui cosa mangia la sera prima per fare certi tempi (scherza). Al momento non voglio nemmeno prenderlo come punto di riferimento, dato che lui è incredibile e io sono solo all’inizio del mio percorso. Al tempo stesso però è uno da imitare e studiare, ovvero quello che sto cercando di fare per imparare in questa categoria”.    

Se Locatelli ha chiuso ottavo, il migliore in casa Yamaha è stato Toprak Razgatlioglu, terzo a mezzo secondo dalla vetta.

“Direi che è stata una giornata positiva – ha commentato il turco – come detto ieri, ho lavorato sul passo gara e le sensazioni sono state ottime. Nel finale ho sfruttato la gomma nuova, ma purtroppo non sono riuscito a fare quel passo avanti che speravo. Ma va comunque bene così, perché con la moto 2021 mi trovo a mio agio e riesco a guidare con molta più facilità, tanto da considerarla migliore rispetto alla precedente”.

Toprak entra poi nel dettaglio.

“In curva la Yamaha 2021 è più efficace rispetto alla precedente e col posteriore ho riscontrato un passo avanti in termini di grip. Voglio però aspettare il prossimo anno prima di dare un bilancio definitivo, dal momento che è ancora troppo presto. Di sicuro sono però fiducioso, perché il finale di Estoril mi ha dato la motivazione per il prossimo Campionato”

Articoli che potrebbero interessarti