MotoGP, Miller: "Oggi ho fatto dei test per il 2021, sono andati bene"

"Abbiamo giocato sulle geometrie per capire quale strada prendere. Le Ducati ora sono veloci a Valencia? Abbiamo avuto tempo per lavorare e il grip è fantastico"

Share


La MotoGP quest’anno ha abituato a repentini cambi di fronte da una settimana all’altra e la pista di Valencia non ha fatto eccezione. Se la scorsa settimana le Ducati erano parse perdute, oggi ce ne sono ben quattro nei primi 6 posti dopo le FP2. La più veloce è stata quella di Jack Miller, davanti a tutti in classifica, poi 3° c’è Bagnaia e Zarco e Dovizioso seguono in 5ª e 6ª posizione. Le prove di oggi, però, sono state importanti anche per il futuro, come ha rivelato l’australiano.

Direi che queste due sessioni sono state una sorta di test per il 2021 - ha spiegato - Abbiamo giocato molto con la geometria della moto per capire quale direzione seguire e direi che è andata bene. Non avendo test quest’anno, abbiamo fatto delle prove per vedere cosa è meglio e cosa è peggio, l’obiettivo era quello di avere maggiore trazione”.

Jack, comunque, non è contrariato da non avere prove dopo l’ultima gara.

Preferisco tornare subito in Australia - non ha usato giri di parole - Alla fine quelli di fine anno sono test abbastanza inutili, su una pista che ha un grip straordinario e in condizioni diverse rispetto a quelle della gara”.

Comunque sia, la Ducati sembra avere trovato la sua strada a Valencia e Miller non ne è troppo sorpreso.

Alla fine, la scorsa settimana, io, Dovizioso e Zarco siamo stati abbastanza veloci in gara - ha ricordato - Abbiamo solo lavorato sul setup per risolvere i problemi che abbiamo avuto. Inoltre ora la pista è molto veloce, essendo gommata e non essendo piovuto negli ultimi giorni. Me ne sono accorto questa mattina, ho subito girato in 1’39”, mi sono stupito quando ho visto quel tempo. Riuscivo a tenere un buon passo e le gomme non calavano molto. Ho usato la morbida all’anteriore per non sprecarne altre, ma penso che con la media e con la dura potrò migliorare in frenata. Ho ancora qualcosa nel taschino, non posso che essere contento”.

Articoli che potrebbero interessarti