MotoGP, Pol Espargarò: "Marc Marquez potrà distruggermi o rendermi più forte"

"Sarò su una delle migliori moto al fianco del migliore pilota, sono curioso di scoprire perché sia così speciale, cosa faccia di diverso dagli altri"

Share


Le prossime tre gare saranno le ultime per Pol Espargarò con la KTM, una moto che ha contribuito a portare al successo, facendo parte del progetto fin dal suo debutto in MotoGP. Lo spagnolo, però, ha deciso di affrontare una sfida nuova e difficile: essere il compagno di squadra di Marc Marquez nel team ufficiale Honda.

La domanda che in tanti si sono posti è se sia stata la decisione migliore considerati i progressi della RC16 in questa stagione.

Quando scegli di cambiare lo fai per migliorare, sono curioso di scoprire cosa succederà - la risposta di Pol in un’intervista concessa a motogp.com - Questo tipo di cambiamenti ti danno una motivazione extra”.

E magari anche qualche apprensione su cosa riserverà il futuro.

Sarò al fianco del migliore pilota al mondo, su una delle migliori moto al mondo, se non sei motivato per questo tipo di sfide allora è meglio rimanere a casa - ha sorriso Espargarò - Sarà un passo molto importante per la mia carriera, mi renderà più forte o mi distruggerà, lo so”. 

Se il compagno di squadra è il primo rivale, Pol non potrebbe averne uno più forte.

“Non vedo l’ora di vedere cosa Marc faccia di diverso dagli altri, perché sia così speciale, e l’unico modo per riuscirci è essere dall’altra parte del suo box, guardare i suoi dati e cercare di fare quello che fa lui” ha spiegato.

Infine ha salutato la sua attuale moto.

“Abbiamo portato KTM dal fondo alla cima - ha detto - Il futuro di KTM è luminoso, sono orgoglioso di avere fatto parte di questo progetto e triste di andarmene dopo tanti anni e tanti forzi. Mi mancheranno la moto e l’atmosfera nel box, sarà doloroso per me separarci”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti