MotoGP, Ezpeleta: "Emergenza Covid? Nessun problema per Valencia e Portimao"

Il CEO Dorna: "nessuna richiesta da parte delle autorità locali. Il coprifuoco non è per noi un problema e nel paddock la situazione è sotto controllo"

Share


L’Europa sta affrontando una seconda ondata di coronavirus e gli stati stanno rendendo più restrittive le misure di contenimento. Fra questi c’è la Spagna, che ha deciso il divieto di spostamento nella notte anche nella regione di Valencia, dove la MotoGP farà tappa per i prossimi due Gran Premi.

Il Ceo di Dorna Carmelo Ezpeleta è intervenuto per confermare che le ultime tre tappe (dopo la doppia di Valencia ci sarà Portimao) sono confermate.

"Al momento non è cambiato nulla, lo stato di allarme in Spagna, in linea di massima, non influisce sulla nostra situazione - ha spiegato - Stiamo lavorando e se ci saranno restrizioni di movimento dopo le 22 fino al mattino, non avranno a alcun impatto su di noi. Al momento possiamo continuare. In ogni caso siamo in stretto contatto con le autorità di ogni luogo, e al momento non abbiamo ricevuto alcun tipo di informazione in merito”.

Ezepeleta ha voluto anche assicurare che la situazione nel paddock è sotto controllo, nonostante ci siano stati casi di piloti e addetti ai lavori positivi al Covid.

"La situazione è come abbiamo proposto all'inizio, stiamo tenendo sotto controllo i casi positivi, ce ne stono stati alcuni in Austria, e poi ci sono state una o due persone che sono state a casa e poi hanno avuto qualche problema prima di tornare, alcuni piloti e alcuni addetti ai lavori - ha continuato - Ma la cosa più importante è che, attraverso i test che stiamo facendo, siamo in grado di tenere tutto sotto controllo e di sapere qual è la situazione. In questo momento, in linea di massima, non vediamo problemi per il futuro, ma ripeto, siamo in stretto contatto con le autorità di ogni luogo. I luoghi rimanenti sono Valencia e Portimao, e al momento non abbiamo ricevuto alcuna richiesta".

Articoli che potrebbero interessarti