MotoGP, Valentino Rossi: "Portimao? Vista in TV mi sembrava più difficile"

"In tre o quattro punti salti con la moto, fa un po' paura". Vinales: "servono fluidità e velocità in curva: mi piace". Lorenzo sulla M1 dopo 9 mesi

Share


Valentino Rossi e Maverick Vinales non si sono fatti sfuggire l’occasione di passare una giornata a Portimao insieme agli altri piloti della MotoGP. Lo hanno fatto in sella alla Yamaha R1 rigorosamente standard, una moto molto diversa dalla M1, ma utile per iniziare a conoscere un tracciato molto tecnico e particolare.

“Guidare qui è molto interessante, perché la pista è bella e tecnicamente abbastanza difficile - ha detto Valentino - E' un circuito molto strano a causa dei molti cambiamenti di pendenza, ma è bello e l'asfalto è ha una buona aderenza. Ci si può divertire molto quando si guida qui. Sembrava più difficile vista in televisione, un po' più difficile, ma alla prova dei fatti va bene. Ci sono tre o quattro punti che fanno un po' paura, perché si fanno dei grandi salti. Sarà difficile tenere una moto da MotoGP a contatto con il terreno, ma in generale è una pista molto dolce da, quindi mi piace. E' stata anche una buona giornata per un test, perché le condizioni erano buone, il che è importante quando si prende confidenza con una pista nuova”.

Anche Vinales è rimasto favorevolmente sorpreso dal tracciato portoghese.

La pista è diversa da quelle a cui siamo abituati, a causa dei cambiamenti di pendenza e la maggior parte delle curve hanno ingressi ciechi - ha spiegato lo spagnolo - Ma nel complesso mi sono sentito davvero bene. È il tipo di pista che mi piace, perché ci vuole molta fluidità e velocità in curva. Ho già avuto buone sensazioni sulla moto stradale e penso che sarà ancora meglio quando correrò con la MotoGP, sarò ancora più veloce. La pista è fantastica ed è molto divertente guidare. La sfida più grande qui sono le impennate, dovremo lavorare molto su questo, perché ci sono molti cambiamenti di pendeva e abbiamo bisogno di un contatto con l’anteriore, quindi dovremo cambiare un po' la moto, di sicuro. L'ultima curva è fantastica, la adoro. Mi aspettavo che la pista fosse più lunga, in realtà è abbastanza corta, ma mi piace".

Accanto ai due piloti ufficiali c’era anche Jorge Lorenzo, che ha ripreso il suo lavoro di collaudatore sulla M1. Il maiorchino sarà in pista anche domani.

Naturalmente non è facile ricominciare a guidare una MotoGP dopo una pausa di nove mesi - ha commentato - Domani giocheremo ancora un po' con il setting per vedere se riusciremo a migliorare e fare un grande passo avanti. La pista è meravigliosa. E' unica, rispetto ad altre piste ha molti cambiamenti di pendenza e questo è molto divertente. Spero che domani avrò buone sensazioni e che potremo lavorare di più.

Share

Articoli che potrebbero interessarti