SBK, Aragon: Ducati aspetta la fumata bianca con Chaz Davies

La Casa di Borgo Panigale punta a chiudere la trattativa con Chaz entro 10 giorni, mentre Locatelli è disposto ad accettare anche la Yamaha di GRT

Share


La Superbike è pronta a tornare in pista il prossimo weekend per il secondo appuntamento consecutivo ad Aragon. Se da una parte c’è la sfida in pista per la caccia al titolo iridato, dove Rea comanda con 10 punti su Redding, dall’altra ci pensa il mercato ad intrattenere gli appassionati.

Nonostante la scorsa settimana BMW abbia annunciato i propri piloti per il 2021, restano ancora ben tre Case in attesa di ufficializzare i propri alfieri. È il caso innanzitutto della Ducati, dove continua a tenere banco la questione legata a Chaz Davies. Al pilota gallese la Casa di Borgo Panigale ha proposto un contratto annuale attorno ai 200 mila euro e ora tocca a lui decidere cosa fare. In Ducati non c’è fretta, anche se però una deadline è stata fissata. Entro i prossimi dieci giorni ci si aspetta un si o un no da parte del numero sette.

Se da una parte Davies dovrà fare i conti con una forte riduzione dell’ingaggio rispetto al biennale firmato due anni fa, dall’altra il gallese non ha tante alternative. Kawasaki è infatti blindata e lo stesso discorso vale per BMW. A queste si aggiunge anche Yamaha, che non ha fatto pervenire alcuna offerta per il futuro al portacolori Aruba.

Arrivati a questo punto, l’unica squadra che potrebbe farsi eventualmente avanti sarebbe la Honda, nel caso in cui le strade da Leon Haslam dovessero separarsi. Oltre alla HRC, nel paddock non ci sarebbero infatti soluzioni per Davies, a cui non rimarrebbe che volgere lo sguardo al BSB. Questo è quindi il quadro generale della situazione per Chaz. Allo stato attuale delle cose, a Davies e la Ducati converrebbe quindi proseguire il proprio cammino assieme e di conseguenza ci si aspetta la fumata bianca.

Oltre alla Rossa, c’è anche la Yamaha in attesa di trovare un sostituto di van der Mark, che nella prossima stagione sarà al via del Mondiale con BMW. La scelta più logica sembra essere quella che porta a Loris Baz, impegnato da un anno  e mezzo con Ten Kate. Oltre al francese tra i candidati c’è anche Jonas Folger, il quale sarà al via del round di Barcellona come wildcard. Il tedesco è un profilo che intriga, ma allo stesso tempo non manca qualche dubbio dopo le vicende passate negli ultimi anni.

Non ci sono invece dubbi nei confronti di Andrea Locatelli. Per lui il team ufficiale è l’obiettivo, ma nel caso in cui non fosse possibile, andrebbe bene anche GRT. Il pilota bergamasco ha comunque fretta di capire quello che sarà il suo futuro e nei prossimi dieci giorni gli sarà svelato.

Infine, tra i top team, occhio alla Honda. Con Bautista certo del posto per il 2021, c’è ancora la questione legata alla sella di Leon Haslam. Si andrà verso una conferma o un addio? Negli ultimi mesi HRC ha offerto la sella della CBR 1000 RR-R a Cal Crutchlow, ma l’alfiere LCR ha declinato la proposta. Stesso discorso per Danilo Petrucci, il quale ha preferito rimanere in MotoGP sposando il progetto KTM.

In Superbike l’unico top ridere disponibile è Chaz Davies, nel paddock della MotoGP invece non ci sono invece piloti liberi, a parte Cal, il quale come detto ha già rifiutato.      

Share

Articoli che potrebbero interessarti