SBK, Rinaldi: “Ho provato ad avvicinare Redding, devo migliorare il passo”

“La gente non sa cosa ho vissuto in passato, ora ho il sorriso. Dopo il lockdown ho cambiato la mia mentalità e sono più rilassato. Il podio? Purtroppo mi è mancato il passo”

Share


Michael Rinaldi è sempre più una sorpresa in questo 2020 del Mondiale SBK. Ancora una prestazione positiva per il portacolori GO Eleven, che ha archiviato Gara 2 ad Aragon con il quinto posto. Non male quindi il risultato del romagnolo, le cui ambizioni sono sempre più grandi.

“Sono più felice rispetto a ieri, non tanto per il risultato, ma per le sensazioni – ha esordito Michael – oggi penso di aver trovato un grip migliore, così come la frenata. Nel finale ho tentato anche di avvicinarmi a Scott, ma non sono stato in grado di colmare il distacco”.

Nonostante il risultato, Michael non vuole accontentarsi.

“Abbiamo bisogno di migliorare per essere più veloci, ma non so se possa bastare per lottare per il podio. Quello lo scopriremo solo nel momento in cui torneremo in pista”.

Di sicuro questo Rinaldi è un lontano parente rispetto alla passata stagione.

“Dopo il lockdown sono ripartito con una diversa mentalità, concentrandomi sulle sensazioni della moto e meno su quello che sarebbe potuto succedere. Ho quindi messo da parte ogni tipo di pressione, puntando più che altro sul fatto di rimanere rilassato. Adesso sono felice e sorrido, una cosa che non mi era capitata in questi ultimi anni, inoltre nel box c’è una bella atmosfera”.

Lo si potrebbe quasi considerare come un pilota rigenerato.

“Ho sempre creduto in me stesso, ma quando arrivano i momenti difficili,  non è mai facile rimanere positivi. Poche persone mi sono state accanto durante le difficoltà, sono riconoscente a loro, perché hanno saputo esserci, mentre altri non lo hanno fatto. A volte è facile parlare, soprattutto lo scorso anno, adesso invece la situazione è diversa e sono contento di tutto quello che stiamo facendo”.

Adesso testa alla prossima gara.

“Dobbiamo sicuramente migliorare nella seconda parte di gara. Ho faticato a passare inizialmente Toprak, ma poi sono riuscito a trovare il giusto passo ed essere competitivo. Purtroppo non sono riuscito ad arrivare sul podio, ma sono entusiasta per quanto fatto”.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti