MotoGP, Il dottor Costa: "Il trauma di Marquez andava trattato con un chiodo"

"La placca non è il modo migliore di fissare una frattura di quel tipo. Si danneggia il periostio il che aumenta i tempi di formazione del callo osseo"

Share


Marquez non rientrerà che alla fine della stagione. Il mondiale per lui è definitivamente andato. A comunicarlo è stata la Honda che ha parlato addirittura di due o tre mesi come tempi di recupero. Ma cosa è successo dopo il tentativo dell'8 volte iridato di rientrare addirittura nel GP di Andalusia, a pochi giorni dalla frattura dell'omero destro rimediato nel corso del GP di Spagna?

Mistero. Perché subito dopo la rinuncia a gareggiare dopo aver effettuato alcuni giri di prova Marquez aveva pubblicato diverse immagini in cui era ritratto mentre faceva esercizi di forza proprio con il braccio infortunato. Fino alla notizia della rottura della placca aprendo una finestra.

Per rispondere ai nostri interrogativi abbiamo interpellato il mitico dottor Costa.

"Come dissi quando mi interpellasti allora la placca non è il modo migliore di fissare una frattura di quel tipo - ricorda il traumatologo - la soluzione migliore sarebbe stata l'inserimento di un chiodo. La placca va bene per un ragioniere che sta due mesi a casa in riposo assoluto. Penso che non lo abbiano fattoper salvaguardare la spalla di Marc, che era già stata operata,  perché è quello il punto di inserimento. Il fatto è che se vuoi ottenere un determinato risultato qualche rischio devi prenderlo...pensate a ciò che abbiamo fatto con Mick Doohan. Se avessero inserito un chiodo Marc avrebbe corso a Jerez e poi avrebbe potuto vincere a Brno".

Perché tanto tempo per il recupero, ora?

"Perché intervenendo in quel modo si danneggia il periostio, che è una guaina connettivale riccamente vascolarizzata che riveste il tessuto osseo, il che aumenta i tempi di formazione del callo osseo".

Ma possono intervenire problemi di altro tipo?

"L'osteomielite, che è una infiammazione ed infezione".

Tu cosa avresti fatto?

"Non è una domanda a cui si possa dare una risposta. Certo sono dispiaciuto di non essere nemmeno stato chiamato per un consulto".

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti