MotoGP, Rins: "KTM e Ducati superiori in Austria, ma Suzuki è veloce in curva"

"Il nostro motore è migliorato, ma dobbiamo sfruttare soprattutto la velocità in curva. La spalla? Le ultime due curve mi preoccupano, ma sto meglio"

Share


E già tempo per un'altra sfida per Alex Rins, che gara dopo gara sta tornando a regalare prestazioni all’altezza del suo talento. Il problema alla spalla patito a Jerez infatti sta gradualmente migliorando, ed in previsione del primo dei due appuntamenti al Red Bull Ring le cose dovrebbero ulteriormente progredire.

“Mi aspetto di migliorare rispetto a Brno. Venerdì e sabato ho provato un po’ di dolore - apre Rins - ma in gara tutto è sparito. Al momento se non faccio movimenti bruschi sono a posto con la spalla, ma se ne faccio sento ancora dolore. A Brno mi aspettavo di soffrire in alcune curve, ma una volta in sella ho sofferto in altre: in Austria penso sarà impegnativo fare le ultime due curve, dato che le curve veloci a destra sembrano per me le più difficili”.

Dal punto di vista tecnico invece lo spagnolo dovrà fare i conti con i lunghi rettilinei del tracciato austriaco, non particolarmente in linea con il DNA della Suzuki.

“Credo che la Suzuki sia migliorata dal punto di vista del motore e dell’aerodinamica, anche se KTM, Honda e Ducati sono ancora più rapide in accelerazione. Noi abbiamo una buona velocità in curva, quindi cercheremo di usare le nostre armi”.

In previsione del weekend non è da sottovalutare l’incognita pioggia, che Rins considera ma senza spaventarsi.

“Non mi preoccupa correre sul bagnato in questa pista, mi preoccuperei solo se il livello dell’acqua diventasse troppo alto, ma abbiamo due persone esperte come Capirossi e Uncini per valutare queste cose”.

Che gare aspettarsi dunque dall’alfiere della casa Hamamatsu? A rispondere è lo stesso Rins.

“Mi piacerebbe fare una gara in solitaria con 10 secondi di vantaggio, ma credo sia dura (ride nr). Vedremo quanto saremo competitivi turno dopo turno, sarebbe importante partire davanti, e dovrò capire quale sarà la mia condizione fisica: in settimana ho cercato di allenarmi ma senza affaticarmi eccessivamente”.

Prima di concludere c’è tempo anche per una battuta sull’uomo copertina di Brno ossia Brad Binder, che Rins non sottovaluta ma nemmeno esalta: “Brad è veloce e le KTM sono cresciute molto, oltre ad aver girato sia a Brno che in Austria. Credo che queste gare possano essere un buon test per lui, e potremo capire quale sia il suo reale livello attuale”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti