MotoGP, Rivola: "la decisione di attendere la sentenza su Iannone ci penalizza"

"Ma ad Andrea gliela dobbiamo in attesa della decisione del CAS Nel caso la possibile scelta su un pilota esperto. Anche Smith nel numero". Bradley titolare 'ad interim' fin dai test di Misano della prossima settimana

Share


A meno di imprevisti dell’ultima ora sarà Bladley Smith ad iniziare il motomondiale con Aprilia. Lo ha confermato Massimo Rivola, CEO di Aprilia Racing, a 'Speedweek' visto che Andrea Iannone che ha ottenuto il miglior risultato singolo della stagione nel 2019 con il sesto posto a Phillip Island sulla RS-GP19 è ancora sospeso per doping.

Fino ad oggi il 29enne collaudatore Bradley Smith ha sostituito il Iannone nelle prove del 2020 - a febbraio a Sepang e Losail e la scorsa settimana alla prima prova dopo la chiusura di Misano, dove Aleix Espargaró era assente.

Aprilia Racing non ha ancora annunciato al team malese WithU Motorsport che Smith sarà il loro pilota in MotoGP, dunque il team di Johann Stigefelt dovrà trovare un pilota sostitutivo.

"Credo che i lmanager di Bradley (Bob Moore n.d.rr.) abbiano informato il team MotoE che Bradley sostituirà Iannone fino a nuovo avviso. Bradley guiderà fino a quando Andrea Iannone non sarà di nuovo disponibile. Quest'estate sapremo se Andrea potrà tornare in pista quest'anno o meno".

Al primo test del MotoGP di Misano della scorsa settimana Aleix Espargaró era sorprendentemente assente dalla formazione Aprilia, avendo appena firmato per un secondo anno di gare.

"Non c’erano ancora voli diretti dalla Spagna all'Italia. Il fratello Pol invece è riuscito a trovare un volo per l'Austria. Per questo abbiamo provato con i soli Smith e Savadori. Ma la prossima settimana saremo ai test a Misano insieme a Ducati e KTM e Aleix ci sarà. Non vediamo l'ora di vederlo di nuovo in pista con noi".

L’assenza di Iannone è una spada di Damocle sul team Aprilia: se infatti la Corte Internazionale di Giustizia Sportiva (CAS) di Losanna dovesse confermare la sospensione di 18 mesi per Iannone ad agosto, la casa di Nolae dovrà trovare un pilota nel 2021.

Al momento sono ancora liberi Oliveira, Bagnaia, Nakagami, Crutchlow e Zarco, mentre Petrucci sembra vicinissimo a raggiungere un accordo con KTM.

"Nel caso in cui Andrea non sia disponibile per il 2021, c'è ancora una bella selezione di corridori sul mercato - ha osservato Rivola -  Dobbiamo valutare se ingaggiare eventualmente un pilota con esperienza, perché la nostra moto è nuova di zecca e non ancora matura e dobbiamo ancora fare lo sviluppo. Quindi forse un pilota esperto sarebbe un vantaggio. Ma ad essere sinceri: per il momento ci stiamo concentrando sulla disponibilità di Andrea Iannone nel prossimo futuro. Per questo motivo non abbiamo ancora condotto alcuna trattativa”.

Il tempo però stringe e le opzioni sul mercato si restringeranno ulteriormente nel prossimo futuro.

"Sì, lo so. Abbiamo deciso di aspettare la decisione del CAS per Andrea. Questa decisione ci mette in una posizione di svantaggio nella ricerca dei piloti. Ne sono consapevole. Allo stesso tempo, è giusto nei confronti di Andrea dimostrargli la nostra lealtà. Crediamo nella sua innocenza. Diciotto mesi è una pena severa per chi è innocente. Andrea non avrebbe dovuto essere affatto punito. Ma dobbiamo conviverci”.

Fra i candidati per il 2021 potrebbe esserci anche Bradley Smith?

“Ovviamente sì. Ora ha delle ottime opportunità per dimostrarci la sua velocità. L'anno scorso, Bradley era in modalità "test rider" nelle sue wildcard. Ma siamo fiduciosi che migliorerà quando scenderà in pista per gareggiare - ha concluso Rivola - Come pilota titolare, devi girare di nuovo un interruttore nel cervello. Mi aspetto che Bradley trovi quell'interruttore e sia competitivo".

Articoli che potrebbero interessarti