MotoGP, Jon Ekerold: quella volta che ho perso una occasione con Agostini

"Non sapevo assolutamente che lui sapesse chi fossi". Sono stato colto completamente di sorpresa. Devo aver fatto ovviamente una brutta impressione, perché non l'ho più sentito"

Share


Facebook è una miniera inesauribile di aneddoti, se avete la fortuna di avere tra i vostri amici i campioni del mondo del vecchio Continental Circus
Questo, per esempio, è stato scritto da Jon Ekerold, campione del mondo dei 350 nel 1980. Vinse il titolo al vecchio Nurburgring dopo un epico duello alla guida della sua Bimota Yamaha contro Toni Mang e la sua Kawasaki.

"Ho pochissimi rimpianti in vita mia, ma uno di questi è stato quello di non aver mai avuto la possibilità di correre con il team Marlboro Yamaha Agostini .

Una mattina, subito dopo il Natale 1981, ricevetti una telefonata in Sud Africa da Ago che mi chiedeva se sarei stato interessato ad entrare nella sua squadra per la stagione 1982. Fu una strana telefonata perché, che ci crediate o no, non gli avevo mai parlato in tutto il tempo in cui ero stato impegnato nelle corse di GP e, ad essere onesti, ero totalmente all'oscuro del fatto che lui sapesse anche chi io fossi. Fui colto completamente di sorpresa e, a parte il borbottare qualcosa di incoerente dall'altra parte del telefono, devo aver fatto ovviamente una brutta impressione, perché non l'ho più sentito.

Il seguito è che Graeme Crosby e Graziano Rossi furono assunti per pilotare le bellissime 0W54 in quadrato mentre io ho iniziato la mia prima stagione completa nella classe 500 sulla mia RG500 privata.

All'evento di apertura della stagione, l'Hengelo international in Olanda, rimasi completamente sorpreso nel vedere la squadra di Ago Marlboro nel paddock, perché era insolito vedere una qualsiasi delle squadre ufficiali all'inizio della stagione internazionale. Ovviamente, però, avevano deciso di fare una gita per prepararsi al primo GP d'Argentina.

Mentre io sono riuscito a condurre i primi giri, Croz mi è subito passato davanti per illustrare esattamente il motivo per cui una moto ufficiale di prima classe nelle mani giuste è stata la ricetta del successo nella classe 500".

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti