Tu sei qui

MotoGP, Coronavirus, Pernat: Posponiamo il mondiale e corriamo sino a dicembre

PODCAST Il manager genovese a ruota libera sul calendario: "Dorna potrebbe anche decidere di far correre qualche gara a MotoGP e Superbike assieme"

MotoGP: Coronavirus, Pernat: Posponiamo il mondiale e corriamo sino a dicembre

Share


E' di questa mattina la dichiarazione dello stato di calamità della città di Austin.

Con questa mossa la possibilità che si disputi il GP di Austin in Texas il 5 aprile si allontana sempre di più ed urge trovare delle soluzioni oggi, invece di lasciarsi trasportare dagli avvenimenti. Purtroppo il Coronavirus è vicino ad essere dichiarato pandemia, il che vuol dire uno stop a tutte le manifestazioni in tutto il mondo.

Ne abbiamo parlato nel nostro MotoGP Podcast con Carlo Pernat.

"La situazione in tutto il mondo sta prendendo dimensioni che non pensavamo possibili - ha sottolineato il manager genovese - Non abbiamo la sfera di cristallo ma il nostro mondo è stato colpito piuttosto duramente: la prima gara è saltata e probabilmente anche la seconda farà la stessa fine.

Parlando oggi, senza riferimenti futuri, io se fossi Carmelo Ezpeleta  penserei di posporre l'intero mondiale. Inizierei a maggio a Jerez, quindi sposterei Qatar, Stati Uniti ed Argentina a novembre e dicembre. Questa potrebbe essere una soluzione e secondo me Carmelo ci sta pensando.

Un'altra soluzione, visto che la Dorna organizza entrambi i campionati, MotoGP e Superbike, è unire in qualche occasione i due campionati,  come si faceva una volta ad Assen iniziando addirittura il martedì. In questo modo si recupererebbero alcune date.

Non si può però penalizzare Moto2 e Moto3, ma magari, visto che comunque hanno una gara di vantaggio, si potrebbe pensare di fargli saltare un paio di Gran Premi.

Pazienza se mangeremo il panettone in Qatar. A breve termine non si potranno fare Gran Premi, e più si va sotto gli avvenimenti e più diventa difficile trovare delle soluzioni. Stiamo parlando degli Stati Uniti che sono praticamente annullati e dell’Argentina che secondo me è al 50%. Se la situazione dovesse durare fino a novembre-dicembre? A quel punto sarebbe veramente quasi la fine del mondo?

Per modo di dire, ma attualmente la situazione è un vantaggio solo per gli ingegneri e per alcune case. Penso ad Honda, Aprilia e Ducati che possono sfruttare questi ritardi per continuare a lavorare.

Anche alcuni piloti, come Iannone, con una squalifica ridotta potrebbe tornare in pista e perdere poche gare. Mentre non credo che questo rappresenti uno svantaggio per Valentino Rossi che avrebbe voluto decidere se continuare o meno entro il Mugello. Vale potrà decidere anche a fine stagione. La Yamaha ha tre piloti  e la decisione di Rossi non gli cambierà le carte in tavola. E’ chiaro che se fosse stato prima sarebbe stato meglio".

 

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti