Tu sei qui

SBK, Razgatlioglu: "Sono 1° nel Mondiale? Vorrei non fosse così strano"

"A Phillip Island la gestione delle gomme è tutto, farlo al meglio negli ultimi giri è stato cruciale. Rea mi ha stupito, è caduto ma si è rialzato per lottare"

SBK: Razgatlioglu: "Sono 1° nel Mondiale? Vorrei non fosse così strano"

Share


Qualcuno se lo sarebbe aspettato, è vero. I test invernali, a partire da quelli di Jerez, avevano dato le risposte corrette e Toprak Razgatlioglu era sembrato a suo agio sulla sua nuova R1. Certo è che, però, un successo all’esordio fa sempre un grande effetto. Toprak ha messo tutti sull’asse imponendosi per soli 7 millesimi su Alex Lowes dopo una bella bagarre negli ultimi giri. 

 “Oggi ero davvero nervoso prima della gara – ha detto sceso dal podio - non è stato semplice. Dopo che la corsa è iniziata, però, mi sono concentrato al massimo perché sapevo di dover gestire le gomme, un aspetto che qui è davvero molto importante. Ci ho provato e negli ultimi sette giri ho cominciato a spingere un pochino ma nelle ultime tornate scivolavo un po’ troppo e allora dopo la gara ho controllato e le gomme erano completamente rotte”. 

Ti sei preso qualche rischio, quindi, a gara in corso?

“Si, anche all’ultima curva dell’ultimo giro. Ho aperto il gas ma la moto non voleva uscire dalla curva”. 

Però alla fine sei riuscito comunque a portare a casa il tuo primo successo con Yamaha, al debutto. Che effetto fa?

“E’ una bella sensazione. Oggi ho vinto e sono felice, ma l’importante sarà domani in Gara 2, dovrò lavorare per le gomme e per la mia sicurezza”.

C’è qualcosa che ti ha stupito dei tuoi avversari in questa prima gara?

“Sicuramente Rea, dopo essere caduto si è rialzato per continuare a correre finchè ha potuto, domani sarà lì a lottare”. 

Ieri ci hai detto che soffrivi nel far curvare la moto, oggi cosa è cambiato?

“Da ieri ad oggi ho trovato un miglior grip al posteriore. In questa pista sta tutto nella gestione delle gomme, oggi ho vinto ma non so come andrà domani”. 

Stanotte andrai a dormire come primo nella classifica mondiale, è la prima volta nella tua vita, che effetto fa?

Dormirò normalmente, vorrei che non fosse una cosa strana”. 

Che effetto fa raggiungere un traguardo del genere al debutto con Yamaha vincendo in bagarre contro la Kawasaki?

“Alex Lowes è stato molto veloce oggi e Rea purtroppo è uscito subito. Domani saranno lì a lottare”. 

Quando hai capito che oggi avresti potuto vincere?

“Ho aspettato e studiato gli altri piloti per tutta la gara ma la gestione delle gomme negli ultimi 5 giri è stata cruciale”.

Audio raccolto da Riccardo Guglielmetti

Share

Articoli che potrebbero interessarti