Tu sei qui

SBK, Razgatlioglu: "Il giro veloce? Doveva essere una simulazione di gara"

"Al quinto giro ho fatto il tempo ma distrutto la gomma posteriore. La Kawasaki era pesante, al momento non trovo difetti nella Yamaha, ma vedremo in gara"

SBK: Razgatlioglu: "Il giro veloce? Doveva essere una simulazione di gara"

Share


Ci si aspettava una conferma da Toprak Razgatlioglu, ed è arrivata già nel primo giorno di test. Il turco ha chiuso davanti a tutti la prima giornata, mostrando i muscoli e mostrando che la Yamaha non vuole più giocare il ruolo della terza incomoda tra le case. Toprak ha trovato il miglior tempo sul finale, in circostanze abbastanza curiose.

“L’uscita in cui ho fatto il miglior tempo doveva essere una simulazione di gara - svela il turco - e dunque non una ricerca del tempo, anche perchè devi guidare diversamente: le indicazioni dal box erano di provare a restare in pista il più possibile se mi fossi sentito a mio agio. Al quinto giro però ho fatto il miglior tempo e la gomma posteriore si è distrutta, specie sul lato sinistro”.

Il problema gomme non è una novità sull’isola, e sembra proprio che sia tornato più prepotente che mai.

“In questa pista abbiamo sempre avuto tutti problemi di gomme: devi sempre cercare di alzare la moto il prima possibile, ma nonostante ciò dopo massimo dieci giri inizi ad accusare grandi problemi. E’ importante non spingere troppo all’inizio, per non perdere l’aderenza e cominciare a far scivolare eccessivamente la moto”.

La Yamaha sembra però rispondere bene alla guida di Toprak, che per il momento non trova difetti nella sua R1. “Ho sempre sentito la Kawasaki pesante, questa moto è più facile da voltare, ma questa pista è particolare per varie ragioni. Un punto debole? Non saprei, ma lo vedremo in gara”.

Il pensiero corre poi a domani, dove l’obiettivo è lavorare sulla gara, in vista del primo ed importante round dell’anno. "Domani riproverò a fare una simulazione di gara, anche più volte, dobbiamo concentrarci su quello più che sul singolo giro”.

Photocredits: Bruno Silveri

Share

Articoli che potrebbero interessarti