MotoGP, Dall'Igna: "Le nuove gomme Michelin penalizzano Ducati e Honda"

"Comunque ho fiducia. Con alcune modifiche di assetto potremo crescere, in Qatar porteremo un nuovo forcellone. I piloti? Altri si sono già mossi, ma è presto per decidere"

Share


Giornata di presentazione in casa Ducati Superbike, e tra i tanti presenti non poteva mancare Gigi Dall’Igna, padre di tutte le creature che escono da Borgo Panigale e si scatenano in pista. I temi di cui parlare non mancano nonostante la stagione formalmente non sia ancora partita, sia per quanto riguarda la SBK che la MotoGP.

Quest’ultima è reduce dai test di Sepang, un momento sempre molto importante prima dell’inizio delle danze, e dove anche quest’anno le case si sono rincorse alla ricerca dell’ultima novità. Un esempio è il dispositivo di partenza “Assistita”, che Ducati aveva già sperimentato durante la scorsa stagione.” L’essere copiati da una parte ci inorgoglisce – racconta Dall’Igna - ma dall’altra ci dispiace regalare un po’ di prestazione ai nostri avversari”.

Un altro argomento caldo sono le nuove gomme, che hanno in parte modificato i valori in campo.

“Le nuove gomme probabilmente hanno penalizzato noi ed Honda, ma credo che già nei test siamo riusciti a capire diverse cose. Con alcune modifiche di assetto possiamo migliorare: abbiamo delle idee da implementare nei prossimi test, e resto fiducioso. In Qatar porteremo un forcellone diverso, ma per il resto si tratta di lavori di affinamento, che comunque nella MotoGP moderna sono molto importanti”.

Infine non si può non fare riferimento al capitolo piloti, con il mercato in continua evoluzione e già segnato dalla firma di alcuni big in vista delle prossime stagioni.

“Per quanto riguarda i piloti non Ducati i giochi pare siano già fatti, noi ci vogliamo prendere del tempo per capire insieme ai nostri piloti cosa sia meglio fare per il futuro. Arrivati a questo punto dobbiamo valutare bene tutti i vari aspetti, siamo ancora all’inizio della stagione quindi credo ci sia tutto il tempo per prendere delle decisioni”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti