Tu sei qui

SBK, Rea e la Kawasaki chiudono in bellezza i test di Jerez, 3° Redding

Johnny ha piegato la Yamaha di Razgatlioglu, 4° Alex Lowes seguito da van der Mark, 6° la Honda di Haslam, 8^ quella di Bautista

SBK: Rea e la Kawasaki chiudono in bellezza i test di Jerez, 3° Redding

Share


La pioggia chiude in anticipo le danze e il miglior tempo della giornata è di Johnny Rea in 1'40"983. Il Cannibale è l'unico a scendere sotto il muro dell'1'41".

16:00 La pioggia non cessa a Jerez dove mancano due ore al termine della sessione. Rea rimane al comando con il crono di 1'40"983, mentre Bautista è ottavo a due secondi e mezzo. 

15:24 Inizia a piovere a Jerez e il primo pilota a farne le spese è Alex Lowes, che distrugge la propria moto. 

15:04 - 1'40"983, è il tempo che regala a Johnny Rea la testa della classifica poco dopo lo scoccare delle 15. Il Cannibale precede Razgatlioglu e Redding.

15:00 In vetta resiste sempre la Yamaha di Razgatlioglu quando mancano tre ore al termine della sessione. Lo segue da vicino Scott Redding  a soli 193 millesimi, mentre Rea è terzo a poco più di tre decimi! Bautista è settimo ma con la migliore velocità di punta.

Ingegneri e meccanici al lavoro nel box Honda sulla moto di Alvaro Bautista. Da sottolineare l'impegno degli uomini da parte della Casa dell'Ala Dorata per quanto riguarda l'ultima evoluzione della Fireblade.

14:44 Riprende a piovere sulla pista di Jerez e di conseguenza i crono tornano ad alzarsi. Razgatlioglu rimane in vetta, mentre Redding sale al terzo posto davanti alla Kawasaki di Johnny Rea.

14:37 Johnny Rea e la Kawasaki continuano a macinare giri su giri, a tal punto da arrivare al terzo posto a 957 millesimi dalla vetta. Davanti a tutti spicca Razgatlioglu con la R1 poi la Kawasaki di Alex Lowes.

14:15 Si migliora ulteriormente Toprak Razgatlioglu che è ancora al comando della classifica con il tempo di 1''41''214. 7 decimi di ritardo per Lowes, secondo davanti a Scott Redding e Van Der Mark. Haslam chiude la top5 davanti a Rea. 

13:50 Comanda sempre Toprak Razgatlioglu ma dietro di lui c'è Scott Redding seguito da Haslam. In pista anche Rea, solo un giro ma subito quarta posizione per lui

13:20 Riprende leggermente a piovere a Jerez.

13: 18 Ci sono alcuni problemi legati al sistema di cronometraggio. Al momento in testa c'è Razgatlioglu con il crono di 1'44"056 davanti alla R1 di van der Mark per tre decimi (+0.324). Terzo Haslam, mentre quarto Lowes seguito da un sorprendente Michael Rinaldi. 

13:00 C'è la Kawasaki di Alex Lowes al comando della classifica con il tempo di 1'45"369. Il pilota britannico precede Razgatlioglu e la Honda di Leon Haslam. Ci sono però alcuni problemi al sistema di cronometraggio in circuito. 

Le condizioni del tracciato sono in netto miglioramento, ma Johnny Rea non vuole saperne di salire in sella alla moto. Il Cannibale preferisce osservare da vicino gli altri piloti e rimanere nel box con la squadra.

12:45 Quando mancano 15 minuti alle ore 13 la pista continua a migliorare, anche se si prevedono rovesci per le 15. Al comando si porta Barrier con il tempo di 1'48"423, incalzato dalle Yamaha di Razgatlioglu e van der Mark.

Michael Rinaldi e la sua Ducati V4 finalmente in pista con la livrea tradizionale del team piemontese, Go Eleven.

Il tricolore brilla in casa Motocorsa anche sulle alette a Jerez.

 

12:25 Cambio in vetta alla classifica. Alex Lowes si prende la prima posizione girando in 1''51''561, due decimi e mezzo più veloce del tempo di Baz, ora secondo.

 

12:20 Poco da raccontare in questa mezz'ora. Continua a girare Alvaro Bautista che finora ha completato 16 giri cronometrati. Tra i più attivi della mattinata, insieme allo spagnolo della Honda, anche Tom Sykes a quota 15 tornate. Ancora senza tuta Jonathan Rea che, come ci aveva detto ieri nelle interviste post giornata, trova poco sensato girare con in queste condizioni di freddo e bagnato. 

11.50 Tanti cambiamenti in classifica Loris Baz è il migliore fino a questo momento con il tempo di 1.51.828. Appena dietro di lui la Panigale di Scott Redding staccata di 311 millesimi. 7° Alvaro Bautista con la CBR, osservato anche da Alberto Puig

11:30  Attualmente c'è il sole ad illuminare la pista di Jerez, dove Redding sale in vetta davanti alla Yamaha di Baz. 1'52"481 il tempo del portacolori Aruba

11:27 Cariscasulo al comando! E' suo il miglior tempo in 1'53"589

11:25 Anche la Ducati affila le armi con Scott Redding il primo a entrare in pista in casa Aruba. 

11:20 Tra i piloti in azione anche Sandro Cortese con la Ducati di Barni. 

11:18 Anche Federico Caricasulo è entrato in azione, siglando come primo tempo quello di 1'58"094.

11:15 Bautista scende in pista e prende il comando della classifica con il crono di 1'54"708. Lo spagnolo precede Barrier.

11:03 Il primo pilota a scendere in pista a Jerez è Federico Fuligni in sella alla MV Agusta. Ricordiamo che ieri il romagnolo ha siglato il riferimento nella SSP.

10:55 Mancano 5 minuti all'apertura della pista, iniziano ad aprirsi le serrande dei box. La prima, quella di Ducati Aruba che ieri con Scott Redding ha chiuso la giornata al 4° posto. 


10:40 20 minuti al via. Il tempo sembra più clemente rispetto a ieri e la pista si sta lentamente asciugando. 10 gradi in pit lane. 

10:12 Ecco qualche scatto del paddock dove i meccanici sono pronti ad entrare nei box per ultimare le moto in vista del turno che scatterà alle ore 11.

10:05 Ricordiamo i tempi di ieri con Haslam e la Honda davanti a tutti, grazie al crono di 1'52"149. Alle sue spalle si è inserito van der Mark a soli 31 millesimi seguito da Gerloff. Tra i primi cinque anche la Ducati di Scott Redding, mentre Bautista ha archiviato il mercoledì assicurandosi un piazzamento nella top ten. Non ha girato invece Johnny Rea, che ha preferito rimanere in hotel a fare esercizio fisico.

10:00 Ecco come si presenta un tratto della pista di Jerez a un'ora esatta dal via del turno, previsto per le 11.00

9:45 Quando manca poco più di un'ora al via della sessione, le serrande dei box sono ancora abbassate. Si scorge però qualche timido raggio di sole all'orizzonte, anche se il rischio pioggia resta concreto.

Seconda e ultima giornata di test sulla pista di Jerez per i piloti della Superbike. Dopo che il meteo ha condizionato il mercoledì, non si aspettano grandi miglioramenti per il giovedì. Dopo l'acqua della prima mattina, al momento non piove, ma la pista è comunque bagnata e non manca il vento. Il semaforo verde è previsto per le 11.

 

Ecco i principali articoli di ieri:


La cronaca della prima giornata

L'intervista a Scott Redding

L'intervista a Alvaro Bautista

L'intervista a Jonathan Rea

Il LIVE di IERI con i TEMPI

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti