MotoGP, Bagnaia: "Mi ha fregato la velocità nei test: vedevo tutto facile"

"Questo inverno mi sono illuso che la MotoGP fosse semplice. A Phillip Island finalmente ho guidato con la mente sgombra. Devo cambiare il mio stile di guida e devo farcela entro fine anno"

Share


Inizi di febbraio, pista di Sepang: alla fine dei primi tre giorni di test del 2019 c’è un poker di Ducati davanti a tutti. Fra loro brilla quella del debuttante Bagnaia, 2° a un soffio da Petrucci e sotto al record del circuito. Sembrava un trampolino di lancio per Pecco, invece fu l’inizio di un calvario che è terminato solo pochi giorni fa, con il podio sfiorato a Phillip Island.

Quei test sono stati per me  il più grande problema della stagione - riflette Pecco tornato sul luogo del delitto - Essere così veloce è stato controproducente, perché mi ha fatto pensare che fosse tutto facile. Quando sono tornato alla realtà, ritrovare la strada per la competitività è stato molto complicato.

Potrebbe essere paradossale: ma essere stato così veloce è come se poi lo avesse fatto diventare lento.

Mi ero illuso - continua il pilota del team Pramac - Sapevo che la MotoGP sarebbe stata difficile, ma lo è diventata ancora di più. Ci ero arrivato da campione del mondo ma faticavo a essere veloce”.

In certi casi, per non abbattersi, serve carattere e forza di volontà.

“Per fortuna nella mia carriera ho imparato a non mollare, soprattutto nei due anni con Mahindra in Moto3 - ricorda - Quell’esperienza mi è servita molto perché questo è stato uno degli anni più duri da affrontare”.

E non è ancora finito ma, soprattutto, Bagnaia non ha ancora finito il suo lavoro. E non ci riferiamo solo alle ultime due gare.

Ho capito che devo cambiare il mio stile di guida e devo farcela entro fine anno - l’obiettivo - Io ho sempre puntato sulla scorrevolezza, ma non funziona in MotoGP e con la Ducati. Ci ho provato, ma ho capito di dovere cambiare, di trovare un compromesso.

Prima della Thailandia il punto di svolta.

Ero andato a Borgo Panigale e insieme agli ingegneri avevamo analizzato i miei punti deboli - spiega Pecco - Il principale era la frenata e ho iniziato a lavorarci, ha funzionato perché in Giappone ero forte in quell’area”.

Cambiare stile di guida però non è semplice.

A Phillip Island per la prima volta ho guidato con la mente libera, senza pensare troppo a quello che dovevo fare - continua - Mi è venuto tutto più facile ed è stata una grande soddisfazione per me, perché ho lavorato tanto per riuscirci. Poi quella pista si adatta bene al mio stile di guida e anche alla Ducati, curvava benissimo e avevo grande fiducia nell’anteriore. Ora devo pensare a Sepang, un’altra pista che mi piace molto, e sono molto curioso di scoprire i miei miglioramenti rispetto ai test di inizio anno”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti