Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "E' stato bello tornare in testa ad una gara"

"La moto non è abbastanza veloce sul rettilineo, perdevo una posizione ad ogni giro. Dalla Porta? Oggi è il miglior giorno della sua vita, se lo goda"

MotoGP: Rossi: "E' stato bello tornare in testa ad una gara"

Share


Dopo l’ottima qualifica chiusa con il quarto tempo ci saremmo attesi qualcosa in più dell’ottavo posto da parte di Valentino Rossi. Il 9 volte campione del mondo e plurivincitore a Phillip Island ha comandato la gara per i primi due giri salvo, poi rendersi protagonista di una involuzione netta e continua fino, appunto, all’ottavo posto. 

“Stamattina sono riuscito a fare un bel tempo e partendo avanti ho fatto un bella partenza riuscendo ad entrare velocemente nella prima curva”.

Quali sensazioni hai provato in testa al gruppo? Era da molto che non ti succedeva. 

“E’ sempre bello stare davanti, sopratutto oggi che è stata la mia 400ª gara. In quei momenti non si pensa molto - ha detto Rossi - cerchi solo di essere concentrato al massimo per guidare al meglio la moto”. 

Cosa non ha funzionato? A giudicare dai primi giri il podio poteva essere alla tua portata.

Oggi sono stato veloce in generale, ma eravamo lenti in rettilineo - ha detto Valentino - Ogni giro perdevo una posizione e la situazione si è ripresentata con un’altro pilota e poi con un'altro. Non avevo velocità e poi ad un certo momento della gara non ne ho avuto abbastanza per recuperare. Quando ci ho provato, ho cercato di guidare dolce senza commettere errori, perchè sapevo di avere altri piloti dietro”.

Questi problemi di accelerazione e velocità in rettilineo solo dovuti anche alla messa a punto della moto?

“Ho trovato un buon bilanciamento della moto - ha detto Rossi - ed in frenata mi sentivo molto bene. Mi è mancato un po’ di grip al posteriore. E' il grande tema Yamaha della seconda parte della stagione. Dobbiamo ragionarci e provare a migliorare”. 

La posizione in classifica non è delle migliori ma puoi consolarti guardando i distacchi da Miller e Bagnaia. 

“Si, alla fine sono arrivato attaccato Miller che ha fatto il podio e mi porto a casa questo come nota positiva -ha detto Rossi - Sono anche stato più competitivo rispetto gli ultimi Gran Premi, forse al pari con Misano. E’ indubbio che dobbiamo impegnarci per fare meglio visto che il risultato non è fantastico”. 

Vicino a te, ma davanti, anche Pecco Bagnania, protagonista di una grandissima gara

Preferisco quando mi arriva dietro - ha scherzato Rossi - Oggi ha guidato bene e gli ci voleva una buona gara. Gli ho già fatto i complimenti.”

Hai avuto anche dei problemi nel warm up.

“Questa mattina in realtà non ho avuto particolari problemi, ho utilizzato una gomma utilizzato al venerdì e quando aspetti più di un giorno per usarla solitamente si perde un pochino di grip". 

Chi ha sofferto più del previsto nella giornata di oggi è stato Dovizioso che nell’ultimo giro ha perso qualche posizione di troppo. Cosa è successo?

“Nell’ultimo giro c’è stata un po’ di confusione perchè eravamo molto vicini. Dovizioso è andato largo e io mi sono trovato a battagliare con Rins. Dopo averlo passato sono stato vicino a Iannone che poi ha passato Dovi . Si sono anche toccati. E’ stato divertente”

Ora si vola in Malesia per il round di Sepang, il penultimo dell’anno. Che aspettative hai per la gara?

“Lo scorso anno a Sepang sono stato molto veloce ma è difficile fare un pronostico. Il tracciato e le condizioni sono completamente diverse e sarà più difficile anche fisicamente, vedremo”. 

Proprio Dovizioso era stato l’ultimo italiano a vincere nella minimna cilindrata, nel 2004. Oggi Andrea è stato raggiunto da Lorenzo Dalla Porta che ha riportato il mondiale in Italia dopo 15 anni

“Ho visto crescere Dalla Porta e sono davvero contento per lui - ha detto - Ha anche corso nel nostro team ma aveva un infortunio alla spalla e non ha potuto esprimere  il suo potenziale. Oggi è il miglior giorno della sua vita”. 

L’ Academy sembra più proiettata verso la Moto2, sbaglio?

“Sfortunatamente abbiamo un gruppo di piloti troppo vecchi per la Moto3 - ha scherzato Rossi - Ma anche il prossimo anno potremmo lottare con Vietti in Moto3". 

Audio raccolto da Matteo Aglio

Share

Articoli che potrebbero interessarti