SBK, Bautista: "La pista è davvero sporca, ma mi piace"

"Nei prossimi giorni migliorerà e cambieranno i riferimenti, dovrò adattarmi". Davies: "Nel pomeriggio la situazione è migliorata, ma i tempi restano alti"

Share


Le condizioni del tracciato in Argentina non sono certamente delle migliori, ma in casa Ducati il bilancio della prima giornata di prove è certamente positivo. A San Juan infatti il mattatore del venerdì è stato Alvaro Bautista, seppur per un solo decimo su Johnny Rea, con Chaz Davies quarto.

Lo spagnolo non era mai sceso in pista in Argentina, ma pare che la pista gli sia tutt’altro che indigesta. “E’ stata una giornata molto positiva – racconta il 19 - era una pista nuova per me quindi ho cercato di fare tanti giri in entrambe le sessioni per prendere confidenza. Mi piace molto il circuito, è una pista che alterna curve veloci a curve più lente con un lungo rettilineo, mi sono trovato subito a mio agio”.

Aldilà della conformazione però anche Alvaro sottolinea le cattive condizioni dell’asfalto, che non ha permesso ai piloti nemmeno di avvicinarsi (per ora) ai tempi più veloci dello scorso anno.

“Le condizioni dell’asfalto non sono perfette, la pista è molto sporca e bisogna girare molto per raggiungere una condizione ottimale. Nei prossimi giorni migliorerà sicuramente la situazione e cambieranno i riferimenti, dovremo cercare di adattarci per essere ancora più rapidi”.

Anche dall’altra parte del box, quella di Chaz Davies, si sorride. Il gallese deve recuperare un gap di oltre un secondo dalla vetta, ma le sensazioni trasmesse dalla sua Panigale V4 sembrano essere di buon auspicio. “In generale ho avuto subito un buon feeling con la moto, ma probabilmente ho messo la gomma nuova un po’ troppo presto ed alla fine della sessione, quando avrei dovuto spingere per migliorare il tempo, non avevo più molta aderenza.”

Anche per il 7 la pista resta lontana dalla miglior condizione, con la temperatura pronta a mischiare ulteriormente le carte in tavola in vista della giornata di sabato. “Nel pomeriggio la situazione è leggermente migliorata ma l’aumento della temperatura sull’asfalto ha evidenziato altri problemi. Ancora i tempi sul giro sono piuttosto alti, in questo momento le condizioni sono uguali per tutti e bisogna accettare questa situazione”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti