Tu sei qui

SBK, Bautista: "Il 5° posto? Ho dovuto imparare la pista in gara"

"Non avevo mai girato sull'asciutto a Magny-Cours. Da una parte sono contento per il risultato, ma dall'altra no perché è aumentato il gap da Rea"

SBK: Bautista: "Il 5° posto? Ho dovuto imparare la pista in gara"

Un 14° posto in Superpole, un 5° in gara e 100 punti tondi di distacco da Rea in classifica: questi sono i numeri che raccontano il sabato di Bautista a Magny-Cours. Lo spagnolo non è stato molto fortunato alla sua prima volta sulla pista francese, con un meteo che ha fatto le bizze cambiando le carte in tavola a ogni sessione. Certo, anche la scelta di Alvaro di non girare ieri sul bagnato ha sicuramente condizionato le sue qualifiche. Quel che fatto è fatto ed è inutile piangere su… l’acqua versata.

Non è stato un brutto risultato - Alvar cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno - Le condizioni sono cambiate molte volte in questi giorni e fondamentalmente non avevo mai trovato su questa pista quelle che abbiamo avuto in gara. Sono partito indietro e non avevo mai girato sull’asciutto su questo circuito, che in alcune parti era ancora bagnato. Non è stata una gara facile, ho provato a trovare i riferimenti e poi ho iniziato ad andare sempre più veloce”.

Ha anche rischiato di cadere quando era alle prese con Alex Lowes.

Quando spingi al limite e la moto non è perfetta, succede, ho frenato un po’ tardi. Come ho detto, non avevo riferimenti e ho dovuto capire in gara dove fosse il limite” commenta Alvaro.

Anche la sua Panigale V4R, per forza di cose, aveva dei limiti di setup.

Non ho potuto lavorare per adattare la moto a questa pista - spiega - ma ora abbiamo più dati e per domani potremo fare dei cambiamenti, perché ho bisogno di migliorare. Oggi ci abbiamo provato e siamo stati a vedere cosa sarebbe successo”.

Il risultato è stato un piazzamento, che però lascia un po’ di amaro in bocca.

Alla fine, sono contento per il 5° posto perché ho potuto imparare la pista, ma dall'altra parte non sono contento perché lo svantaggio da Rea in classifica è aumentato - il bilancio - Ho cercato di fare il mio meglio e vediamo se domani potrò essere più veloce”.

Bautista ha capita cosa non andava e dove intervenire per essere più competitivo domenica.

I maggiori problemi li ho avuti a centro curva e in uscita, non riuscivo a fare andare la moto dove volevo - racconta - Normalmente nei turni di libere provi il setup, ma non avendole fatte è stato difficile arrivare pronti alla gara. Sarà complicato risolvere il problema del sottosterzo per domani, perché ne soffriamo da inizio dell’anno, ma sicuramente potremo migliorare la messa a punto”.

La Panigale sembra avere due facce sul bagnato, a volte è veloce mentre altre arranca maggiormente. Perché?

Non è semplice sul bagnato per noi, soprattutto dove non c’è molto aderenza - la risposta di Alvaro -Per esempio, a Misano avevo guidato per la prima volta in SBK con l’acqua, mi era servito un po’ di tempo per adattarmi, ma a fine gara ero il più veloce in pista. A Donington, invece, la situazione è stata simile a quella trovata qui, con poco grip in pista e allora noi fatichiamo perché non riusciamo a spingere sulle gomme. Non so se sia per via della moto, del mio stile di guida o una combinazione delle due cose.

Audio raccolto da Riccardo Guglielmetti

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti