Tu sei qui

MotoGP, Miller: "Marquez? Ho capito i suoi punti forti"

Jack: "Marc è tre decimi più veloce di tutti, ma io voglio arrivare sul podio", Bagnaia: "Ho spremuto la Ducati, più di così non potevo fare"

MotoGP: Miller: "Marquez? Ho capito i suoi punti forti"

La Ducati più veloce nelle qualifiche di Aragon è quella di Jack Miller. La Rossa dell’australiano, che domani scatterà dalla quarta casella sullo schieramento, apre la seconda fila, facendo fare brutta figura agli ufficiali Dovizioso e Petrucci.

Miller non avrà il passo di Marquez, ma dal suo volto sembra trapelare grande fiducia per la domenica.

Anche se ho fatto un po’ di errori nel mio giro migliore sono felice per il risultato – ha esordito l’australiano – purtroppo ho commesso qualche sbavatura alla dodici, dove ho perso il posteriore. A parte ciò sono felice del risultato e non vedo l’ora della gara”.

L’australiano sa chi bisogna tenere d’occhio.

“Marc ha il passo più veloce, ovviamente farò di tutto per provare a prenderlo e cercare di seguirlo in gara.  Mi sarebbe piaciuto essere in prima fila, però sono soddisfatto della mia prestazione. Durante la FP4 ho avuto modo di girare con Marc, dato che l’ho seguito, riuscendo a capire i tratti della pista dove lui fa la differenza rispetto agli avversari”.

In questo sabato Jack è riuscito ad oscurare le GP19 di Dovizioso e Petrucci.

“Le loro difficoltà non le conosco. L’unica cosa che posso dire è che mi trovo bene con la moto, e insieme alla squadra stiamo facendo il massimo io”.

L’attenzione torna però alla gara di domenica.

“Guardando il mio passo gara posso dire che ho tutte le carte in regola per arrivare al podio. Come detto Marc ha quattro decimi in più rispetto a tutti gli altri, però a parte lui siamo tutti vicini. Ovviamente sarà necessario compiere un passo avanti per migliorare la moto e cercare di essere più veloci.”

Rispetto a Misano sembra quindi suonare tutta un’altra musica per l’australiano.

“Qua ad Aragon ho trovato maggiore grip rispetto a Misano e con la moto riesco ad avere una buona fiducia. Penso sia un aspetto importante per domani, a partire dal warmup, dove cercherò di limare due-tre decimi per avvicinarmi ai migliori. Come detto, oggi ho avuto modo di seguire Marc, ho capito i suoi punti forti e sono fiducioso”

Dall’altra parte del box bisogna invece fare i conti con il mancato accesso alla Q2 di Francesco Bagnaia.

“In qualifica ho spremuto tutto quello che c’era da spremere, ma più di così non siamo riusciti a fare – ha detto – al pomeriggio, nelle FP4, abbiamo lavorato sulla gomma per la gara. Le condizioni non erano ottimali e quello che abbiamo previsto non ha funzionato, mi sto riferendo allo pneumatico duro. Per domenica dovremo utilizzare un’altra soluzione e spero sia la scelta giusta, dato che con gli altri piloti ha funzionato. Guardando la classifica siamo vicini alle Ducati ufficiale ed è una cosa positiva".  

Audio raccolto da Matteo Aglio

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti