Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "Sto meglio fisicamente, ma peggio con la moto"

"Ho già dimostrato di poter essere veloce anche da infortunato se il mezzo funziona. La gomma morbida? Un errore, ma nelle prove sembrava la giusta idea"

MotoGP: Lorenzo: "Sto meglio fisicamente, ma peggio con la moto"

E’ stata un’altra domenica difficile per Jorge Lorenzo quella di Misano, con due punti guadagnati ma tanta sofferenza nelle parti basse della classifica. Jorge sta lentamente migliorando dal punto di vista fisico, ma i problemi fisici uniti alle difficoltà tecniche in sella alla Honda creano un mix difficile da assimilare.

“Quando non sto bene fisicamente e non sono a posto con la moto è difficile che le cose vadano particolarmente bene, ma se mi sento a mio agio in sella posso sopperire ai problemi fisici: ad Assen nel 2013 l’ho fatto per esempio, ho chiuso quinto nonostante l’infortunio. Ora non sento la moto e non sono a posto fisicamente”.

Parlando della gara le aspettative erano più alte, ma ci sono anche dei lati positivi

“In gara la moto era più stabile ma con meno aderenza sul posteriore, così non mi sono trovato bene. Ho fatto il massimo possibile ma le aspettative erano leggermente più alte: sono migliorato fisicamente e dal punto di vista della distanza dai migliori, anche se 47 secondi sono più di quanto mi aspettassi e non è sufficiente”.

Restando sul dolore il miglioramento è evidente, mentre rimangono dei dubbi sulla scelta della morbida come mescola per la corsa.

“Dopo Silverstone avevo molto dolore, ora sono dolorante ma sto molto meglio di tre settimane fa, e posso spingere molto di più in sella. Con la mancanza di aderenza ho faticato a fermare la moto, non so se ho fatto la scelta giusta di gomme con le morbide, dato che in gara ho dovuto frenare prima rispetto alle prove, ma dalle prove era emerso che questa poteva essere la migliore opzione”

Tra una settimana ad ogni modo c’è Aragon, e Jorge rimane realista.

“Mancano pochi giorni ad Aragon quindi in questo periodo dovrò riposare più che allenarmi. Quando potrò lavorare bene in palestra, quindi nelle settimane dopo Aragon, le cose potranno migliorare sensibilmente. Ad Aragon spero di essere più veloce, per migliorare il distacco che ho incassato oggi”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti