Michelin raddoppia al Sachsenring: la MotoE con la MotoGP

Le moto della classe regina avranno gomme asimmetriche anche all'anteriore. Mescola unica per le moto elettriche al loro debutto

Share


Il fine settimana del Sachsenring sarà molto particolare per Michelin, che vedrà raddoppiare il suo impegno in pista. Accanto alla MotoGP, infatti, debutterà anche la MotoE, la Coppa del Mondo riservata ai veicoli elettrici, di cui il gommista francese è fornitore unico.

L’anello della Sassiona è un circuito corto (poco più di 3,6 Km) e tecnico che mette a dura prova gli pneumatici perché presenta ben 10 curve a sinistra e appena 3 a destra. Questo significa la necessità di avere gomme resistenti sul lato sinistra e capaci di garantire buone prestazioni anche a temperature di esercizio non ottimali sulla destra, per questo motivo sia le coperture anteriore che le posteriori della MotoGP (nelle classiche tre mescole morbida, media e dura) avranno una costruzione asimmetrica. In caso di pioggia, invece, le gomme da bagnato (soffice e media le mescole scelte) saranno asimmetriche solo per quanto riguarda il posteriore.

Passando alle MotoE, le Energica Ego Corsa avranno pneumatici a loro dedicate. L’anteriore (in mescola media) è una gomma derivata da quelle della MotoGP, mentre la posteriore (morbida) è basata sulla copertura delle Superbike.

"Questo sarà un fine settimana molto impegnativo per tutti in  Michelin, visto che abbiamo la prima gara MotoE insieme alla MotoGP - spiega il responsabile Piero Taramasso - Per quanto riguarda la MotoGP, conosciamo le esigenze di questa pista, è corta ed è anche una delle più lente dell'anno, ma chiede molto al lato sinistro del pneumatico. Porteremo in Germania una mescola specifica per far fronte a queste caratteristiche e anche alle condizioni meteo. È una delle piste dove non si sa mai cosa aspettarsi e il tempo cambia rapidamente, quindi dobbiamo avere una gamma di pneumatici che funzionino in tutte le condizioni”.

Sarà molto interessante vedere la prima gara MotoE, abbiamo fatto un sacco di test e sviluppato una gamma di pneumatici specifici per queste moto, quindi è arrivato il momento di vederli utilizzati in gara - continua Taramasso - Michelin è lieta di partecipare a questa nuova sfida come partner tecnologico, in quanto si è storicamente impegnata in progetti che migliorano la mobilità e la rendono più sicura, più economica e più rispettosa dell'ambiente per tutti. Noi vediamo MotoE come una piattaforma perfetta per consentire a Michelin di essere coinvolta con moto completamente elettriche su un palcoscenico mondiale con grande visibilità”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti