Moto2, Gardner conquista la sua prima pole, 6° Di Giannantonio

L'australiano regola Binder e Vierge, seguito dal leader del mondiale Marquez. 9° Bastianini davanti a Locatelli e Marini, 16° Baldassarri con caduta

Share


Passato il turbinio di emozioni della MotoGP, è toccato alla Moto2 chiudere il programma odierno con il turno di qualifica. Il tutto in una categoria ancora in cerca di un padrone, con tanti piloti in lizza per il titolo e tante possibili sorprese in ogni singola gara.

Uno di questi outsider può essere Remy Gardner, che ad Assen ha colto la sua prima pole in carriera (prima pole australiana in Moto2) fermando il cronometro sul tempo di 1’36”572. Un risultato che conferma la grande confidenza dell’australiano sul tracciato olandese, e che lo candida a sicuro protagonista per la gara di domani.

Seconda casella per il rinato Brad Binder, che con una KTM rivoluzionata pare aver ripreso la retta via, precedendo in griglia un altro pilota in netto miglioramento come Xavi Vierge. “Quando a Jerez sono arrivate le nuove gomme ho avuto qualche problema, ma dopo Barcellona ed i test ho compiuto un passo avanti ed ora sono veloce. In qualifica ho dato tutto per due giri ed è andata bene, sono felice”.

Lo spagnolo precede il suo connazionale nonché compagno di squadra Alex Marquez, che può sorridere non avendo davanti a sé i rivali per il titolo. Quinto è Alex Lowes davanti a Fabio Di Giannantonio, primo tra gli italiani a circa quattro decimi dalla vetta e che precede il compagno del team Jorge Navarro.

Soltanto ottavo a mezzo secondo Tom Luthi, che dovrà inseguire da subito Marquez, seguito dal positivo Enea Bastianini (+0.512). Il riminese apre un trenino di azzurri formato da Andrea Locatelli e Luca Marini, il migliore del team SKY VR46 vista la 18° piazza d Bulega.

Turno difficile, restando sugli azzurri, per Lorenzo Baldassarri. Il 7 è passato brillantemente oltre l’ostacolo Q1, ma una caduta ad inizio Q2 lo costringerà a partire 16°. Più attardati Marco Bezzecchi (21°) e Simone Corsi (25°), mentre Stefano Manzi dovrà partire ultimo a causa della pena inflittagli dalla direzione gara per il contatto con Ekky Pratama.

 

 

 

Share

Articoli che potrebbero interessarti