Moto2, FP2: Binder e la KTM tornano ai piani alti, 7° Marini

Il sudafricano precede Gardner e Lowes. 8° Baldassarri davanti a Marquez, 15° Locatelli, 17° Bastianini seguito da Di Giannantonio e Bulega

Share


Alte temperature e distacchi minimi. Può essere riassunta così la FP2 della Moto2, che ha chiuso il venerdì del weekend di Assen con ben venti piloti in meno di un secondo. Una sessione che riporta in alto la KTM, alle prese con un’annata davvero difficile che potrebbe forse subire una svolta.

Il primo tempo infatti è di Brad Binder, capace di fermare il cronometro sul tempo di 1’37”398, 132 millesimi più veloce di Remy Gardner, che riesce a sua volta a fare meglio di Sam Lowes (+0.194).

Quarta piazza per Marcel Schrotter seguito dalla Speed Up di Jorge Navarro, seguito da Tom Luthi. Il primo azzurro è Luca Marini, che beneficia (come tutti gli altri) di un nuovo motore da questa gara ed incassa 318 millesimi dalla vetta, precedendo il connazionale Lorenzo Baldassarri. Da segnalare sul finale un contatto fortuito tra il numero 7 e Nicolò Bulega (19° oggi) alla curva 4.

Soltanto nono il leader del mondiale Alex Marquez, che precede la seconda KTM in top ten ossia quella di Jorge Martin (+0.474). Da segnalare la 14° piazza di Jonas Folger, che sta riprendendo confidenza in sella sessione dopo sessione, e che precede l’azzurro Andrea Locatelli, primo pilota del team Italtrans vista la 17° posizione di Enea Bastianini (+0.657).

Alle spalle del riminese Fabio Di Giannantonio con la seconda Speed Up, davanti al già citato Bulega ed a Stefano Manzi, che dovrà comparire davanti alla direzione gara in seguito all’incidente di questa mattina con Ekky Pratama. Chiudono la lista degli azzurri Marco Bezzecchi (22°) e Simone Corsi (23°).

Share

Articoli che potrebbero interessarti