Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: "Il rinnovo con Ducati? Prima della pausa estiva"

"Da entrambe le parti c'è la volontà di continuare, dobbiamo solo metterci d'accordo sui numeri. Il GP di Assen? Punto al podio"

MotoGP: Petrucci: "Il rinnovo con Ducati? Prima della pausa estiva"

Danilo Petrucci sorride, poi anticipa la domanda con un sorriso: “tanto so già cosa mi volete chiedere”. La curiosità è tutta per il punto in cui sono le trattative per il rinnovo del contratto con Ducati. Le notizie sono positive e la firma è attesa fra breve, come aveva anticipato Miller, rivelando la sua permanenza in team Pramac.

Stiamo parlando e la volontà da entrambe le parti è quella di continuare insieme - afferma Petrucci - Dobbiamo solo metterci d’accordo sui numeri, ma sia io sia Ducati saremmo felici di rinnovare”.

Quanto manca all’accordo?

Mi piacerebbe andare in vacanza con qualcosa di definito. Anche perché ci aspettano due gare cruciali e, se riusciremo a recuperare qualche punto su Marquez, potremmo prenderci una pausa con più tranquillità”.

Assen per la Ducati non è una pista favorevole, ma a te è sempre piaciuta…

“Nel 2017 persi contro Valentino, fu la sua ultima vittoria e mi è capitato di rivedere quella gara tante volte. L’anno prima, invece, ruppi il motore quando ero in testa”.

E quest’anno cosa ti aspetti?

Dipende, perché solitamente su questa pista c’è molto grip, cosa che ci aiuta, ma sono attese temperature più alte del solito per questo fine settimana e l’aderenza potrebbe essere minore. Però lo scorso anno Dovizioso fece una bella gara”.

Cosa sarà a fare la differenza?

Come spesso accade, come si adatteranno le gomme alla pista. L’obiettivo è quello di lottare per il podio, ma non sarà semplice.

Sei quindi ottimista?

Questa è una delle mie piste preferite, ma a Barcellona abbiamo faticato più delle gare precedenti. Sono però contento perché sono comunque riuscito a gestire la gara e a salire sul podio”.

Qui avrai un tifoso speciale: un piccolo Danilo olandese.

I genitori chiamarono con il mio nome il loro figlio dopo il mio podio al Mugello nel 2017. L’ho rivisto proprio oggi e l’unico difetto è che, essendo biondo, non mi somiglia molto (ride)”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti