Tu sei qui

MotoGP, El Diablo Quartararo frega la pole a Marquez, 5° Rossi

Il francese beffa lo spagnolo per 15 millesimi, in prima fila anche Vinales seguito da Morbidelli, 6° Dovizioso poi Petrucci e Rins, 10° Lorenzo

MotoGP: El Diablo Quartararo frega la pole a Marquez, 5° Rossi

Il suo soprannome è “El Diablo”, e a quanto pare sembra starci tutto nel vedere le  sue prestazioni, in particolare al sabato. Dopo averlo visto conquistare la sua prima pole nella classe regina a Jerez, Fabio Quartararo ha deciso di concedere addirittura il bis a Barcellona. Una prestazione da incorniciare quella del francese, capace di tirare fuori dal cilindro il crono di 1’39”484, che gli ha regalato la prima casella sullo schieramento.

La sua Yamaha è quindi la più veloce nel sabato del Montmelò, tanto da rivelarsi impeccabile soprattutto nel settore finale della pista, dove ha saputo fare la differenza nei confronti dei rivali. Lo ha capito bene Marc Marquez, rimasto fregato sulla pista di casa per soli 15 millesimi. Il 93 della Honda, dopo un venerdì che lo ha visto impegnato sulla valutazione della gomme, è uscito allo scoperto partendo all’attacco. Purtroppo però non c’è stato nulla da fare per ribaltare il copione a suo favore. A un minuto dall’esposizione della bandiera a scacchi, Magic Marc  ha tentato un’ultima offensiva, senza però avere l’effetto sperato a causa di un leggero lungo quando era alle spalle di Rossi.

Va così in archivio una qualifica in cui la Yamaha torna davanti a tutti. È il caso della M1 di Fabio Quartararo, senza dimenticarsi però quella di Maverick Vinales (+0.226), che domani scatterà dalla terza casella sullo schieramento, seguito a un solo millesimo da un’altra Yamaha, ovvero quella di Franco Morbidelli. Per lo spagnolo c’è stata anche un’incomprensione con Quartararo, a tal punto da essere mandato a quel paese perché reo di averlo rallentato.*  Le M1 non sono però finite qua, dal momento che in seconda fila compare anche Valentino Rossi (+0.269). Finalmente il 46 sfoggia una prestazione degna di nota, dopo una qualifica da horror al Mugello. Il passato però è alle spalle, perché ora conta solo il presente. Un presente che vede  ben quattro M1 nelle prime due file.

Se in qualifica la moto giapponese torna a volare, adesso ci sarà la sfida più complicata, ovvero quella della gara, dove sarà fondamentale tenere il passo di Marc con l'aumento delle temperature, ma soprattutto delle Ducati. La più veloce è stata quella di Andrea Dovizioso, che per soli 70 millesimi ha mancato la prima fila dovendosi accontentare dal quinto crono, seguito da Danilo Petrucci. Un turno sfortunato quello del pilota di Terni, incappato in una caduta che gli ha fatto perdere tempo, riuscendo però a tornare in pista. Per certi versi è andata peggio ad Alex Rins, che fino a cinque minuti dal turno sembrava in lizza per giocarsi la pole. Uno scivolone ha però mandato in fumo le ambizioni condannandolo all’ottava casella. Al suo fianco ci sarà poi la Honda di Crutchlow con la RC213V di Jorge Lorenzo ad aprire la quarta fila affiancato da Mir e Pol Espargarò.

Marquez a parte, le altre Honda faticano a trovare la giusta strada da seguire nel sabato di Barcellona. Un esempio è dato da Nakagami, il quale ha mancato l’accesso alla Q2. Stessa sorte per i portacolori Pramac, ovvero Francesco Bagnaia e Jack Miller, quest’ultimo addirittura a terra, senza scordarsi delle Aprilia di Aleix Espargarò e Andrea Iannone e la KTM di Zarco.  The Maniac scatterà addirittura dall'ultima fila, alle spalle del collaudatore Suzuki, Sylvain Guintoli. Per lui piove sul bagnato, perchè in Q1 è rimasto fermo in pista con la RS-GP.

* Maverick Vinales è under investigation a causa della manovra nei confronti di Fabio Quartararo che lo ha costretto a rallentare.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti