Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: “Mi sono complicato la vita da solo. Mi aspetto un GP lento”

Pecco: “Peccato non essere andato in Q2, domani incognita gomme”. Miller: “Non c’è nessuno veramente veloce”

MotoGP: Bagnaia: “Mi sono complicato la vita da solo. Mi aspetto un GP lento”

La Ducati Pramac si ferma in Q1 nel sabato pomeriggio del Montmelò con Bagnaia che scatterà tredicesimo appena davanti al suo compagno di team Jack Miller. Tante difficoltà e un weekend caratterizzato anche da delle cadute quello del team satellite della Casa di Borgo Panigale.

Mi sono complicato la vita con la caduta in FP3 – ha detto Bagnaia – è un weekend dove stanno succedendo cose strane. Sono forte con la gomma usata, avevo un bel passo”.

Quali sono i problemi maggiori?

“Non saprei. Stamattina andavo bene, poi abbiamo fatto una modifica che non mi è piaciuta e, tornato alla configurazione precedente, ho fatto una caduta strana”.

Com’è successo?

“È stata davvero inusuale. Diversa da quella di Quartararo che è caduto prima di me – ha detto Bagnaia. Non avevo nemmeno il ginocchio per terra e la moto mi ha abbandonato. È stato un peccato perché ho perso la Q2 che era l'obiettivo di oggi”.

Sei dovuto passare dal Q1, e lì ti sei fermato. Perché?

“C’era molto caldo – ha aggiunto Pecco - e quando le condizioni sono queste i miei problemi di trazione peggiorano. Era troppo difficile fare il tempo per entrare in Q2. Sono dispiaciuto perché so di poter essere competitivo. È tutta esperienza”.

Decisiva per la gara di domani sarà la scelta della gomma. Hai già qualche idea?

Vedremo domani nel Warm Up – ha detto Bagnaia – io sono abbastanza indirizzato sulla soft perché per come guido io so che può reggere, con questo caldo la media non va”.

Previsioni sul tipo di gara che potrà essere e sulla tua corsa?

“Oggi non abbiamo avuto i problemi di ieri, non so come sarebbe andato il time attack con la doppia morbida ma mi sento abbastanza a posto. Sarà una gara lenta e di gestione delle gomme. Non mi devo far prendere dalla foga perché se no rischio di non gestire bene gli pneumatici. Questo tracciato consuma molto e lo si è visto chiaramente oggi”.

Della stessa opinione il compagno di team Jack Miller che, come già detto, si è qualificato appena dietro a Bagnaia in quattordicesima posizione.

“Mi aspetto una gara davvero lenta – ha affermato l’australiano. Nessuno ha abbastanza velocità e dovremmo gestire tanto le gomme”.

Sulla giornata di oggi? Brutta qualifica, ma il passo come andava?

“Questa mattina sentivo di avere davvero un buon passo. Ieri ho girato anche con gomma usata e non è andata male. Alla fine delle FP3 ho messo la morbida nuova e non lavorava come avrei voluto. È stata una giornata caratterizzata da errori: in curva 10 e n curva 4 (dove ho sofferto tanto). Non ho potuto usare il freno posteriore perché avrei perso completamente la moto. Peccato”.

A che punto siete con la scelta della gomma e con la messa a punto della moto?

“Vedremo domani durante il Warm Up – ha concluso Miller. Penso di poter usare la media all’anteriore ma dipende dalle condizioni che troveremo domani. La Ducati lavora bene nel primo settore, manca qualcosa in altri punti ma ho un buon passo e sono fiducioso”.

Audio raccolto da Matteo Aglio 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti