Tu sei qui

Moto3, Canet: "Oggi ho corso con due angeli custodi al fianco"

Aron: "Questo podio è per mio nonno Alfonso che sempre è stato al mio fianco, oggi era come se avessi una bacchetta magica in sella alla KTM"

Moto3: Canet: "Oggi ho corso con due angeli custodi al fianco"

È stata forse la gara più difficile di tutta la sua carriera. Già, perché oltre a duellare con gli avversari, Aron Canet aveva dentro di sé il dolore per la scomparsa del suo nonno Alfonso, con cui è cresciuto in questi anni e sempre l’ha seguito in pista. Un vuoto difficile da colmare, ma forse oggi Alfonso era proprio lì al suo fianco a sostenerlo nella bagarre che lo ha portato sul podio di Le Mans.  

“È stata una gara molto tirata – ha commentato lo spagnolo – nella chicane Toba perdeva molto tempo in uscita dalla curva e di conseguenza dovevo provarci e così è stato. Al mio fianco avevo due angeli custodi ed è grazie a loro che non sono finito a terra”.

C’è una dedica particolare per questo podio in terra francese.

“Questo terzo posto è dedicato a mio nonno Alfonso. L’ultima volta che l’ho visto è stato lunedì, poi martedì mi hanno comunicato la notizia della sua scomparsa. Con lui c’era un bellissimo rapporto, dato che trascorrevamo molto tempo insieme, inoltre ci trovavamo anche a tavola per pranzo.  Prima di andare ad una gara, mi diceva sempre: “Esci di casa con Dio e tornerai con Dio”. Lo sapevo che era ammalato, infatti prima dell’Argentina mi disse che qualora non ce l’avesse fatta, sarebbe stato sempre al mio fianco in sella alla moto”.  

Non manca poi un accenno alla scomparsa del papa di Max Biaggi.

“Ieri ho parlato con lui, mi ha detto che con una bella gara avrei onorato la loro memoria. Mi ha anche consigliato di stare calmo nei primi giri di gara per poi attaccare nel finale. Come ho detto oggi ho corso con due angeli custodi al fianco e avevo anche una bacchetta magica”

Canet lascia quindi Le Mans con la vetta del Mondiale.

Questo è il mio quarto anno in Moto3 e io non ho mai smesso di pensare al titolo. Credo di essere cresciuto, imparando molto e proprio per questo voglio proseguire su questa strada. La prossima gara sarà il Mugello e farò di tutto per essere competitivo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti