Tu sei qui

MotoGP, Argentina: i piloti con la mano sul freno per 30 secondi a giro

Secondo i tecnici Brembo il tracciato sudamericano è considerato mediamente impegnativo, sulle pinze ben sette quintali il peso esercitato

MotoGP: Argentina: i piloti con la mano sul freno per 30 secondi a giro

Argentina, Termas de Rio Hondo. Il Motomondiale è pronto a sbarcare in Sudamerica per il secondo round stagionale dopo quello di due settimane fa a Losail. Situato nella provincia di Santiago del Estero, nell’Argentina settentrionale, il circuito è stato disegnato dall’italiano Jarno Zaffelli. E italiani, naturalmente Brembo, sono anche i freni scelti da tutti i team e i piloti della classe regina.​

Ogni anno l’Autódromo de Termas de Rio Hondo ospita decine di competizioni per le auto e così quando le MotoGP sbarcano in Argentina si trovano di fronte ad una pista sporchissima: nella prima sessione di libere del 2016 la sabbia presente in grande quantità sull’asfalto ha prodotto tempi sul giro nell’ordine dell’1’43’’-1’44’’, valore abbassato di oltre 3 secondi in poco meno di 24 ore e di un ulteriore secondo nella Q2.​

Secondo i tecnici Brembo, l’Autódromo de Termas de Rio Hondo rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 3, identico a quelli ottenuti da altre 9 piste, inclusa quella di Losail che ha ospitato la gara inaugurale della stagione.​

L’impegno dei freni durante il GP

Alle 14 curve della pista corrispondono 8 punti di frenata, di cui 3 nel T4 che malgrado questi rallentamenti è l’intertempo più veloce dei quattro in cui è suddivisa la pista.​

Solo Phillip Island, Spielberg e Buriram con 7 frenate al giro ​presentano un minor numero di frenate di Termas de Rio Hondo. Ogni giro i piloti utilizzano i freni per circa 30 secondi, valore eguagliato da Jerez, Mugello e Assen. Il totale per l’intero GP Argentina è di 12 minuti e mezzo, pari al 30 per cento della durata complessiva della gara.

La media sul giro delle decelerazioni massime è di 1,2 g ma questo valore sarebbe più alto senza la toccatina ai freni della curva 11 (da 202 km/h a 156 km/h) che con 0,9 g abbassa la media. Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva del freno Brembo dalla partenza alla bandiera a scacchi il valore supera i 7 quintali e mezzo: solo a Phillip Island l’impegno fisico richiesto ai piloti è minore.​

Ma comunque lo sforzo del GP Argentina per i piloti MotoGP, alle prese con dischi in carbonio Brembo con diametro di 320mm o 340mm, è superiore a quello generalmente richiesto ai piloti Superbike (dischi in acciaio): meno di 5 quintali al Round1 in Australia e 7 quintali nel Round 2 in Thailandia​.

Le frenate più impegnative

Delle 8 frenate dell’Autódromo de Termas de Rio Hondo solo due sono considerate altamente impegnative​ per i freni mentre 4 sono di media difficoltà e 2 sono light.

La curva 5 è la più difficile da affrontare perché è preceduta da un rettilineo di 1.076 metri che permette alle MotoGP di raggiungere i 324 km/h: il tornantino obbliga i piloti a scendere a 81 km/h facendo ricorso ai freni per 6 secondi con un carico sulla leva della pompa freno Brembo di 5,1 kg.​

In quell’istante la pressione del fluido freno Brembo HTC 64T raggiunge i 10,9 bar​. Durante la frenata le moto percorrono 297 metri.​ M​erita una citazione anche la prima frenata dopo il traguardo per i 243 metri di spazio di frenata: le MotoGP frenano da 277 km/h a 108 km/h ma la decelerazione è di 1,4 g, a fronte degli 1,5 g della curva 5.

Prestazioni Brembo

L’ultima volta che una moto della 500/MotoGP senza freni Brembo ha vinto il GP Argentina era il 1982. Nel 1987, a Buenos Aires, trionfò Eddie Lawson con la Yamaha del Team Agostini che dall’anno prima si era affidata ai freni Brembo.​

Negli anni Novanta, il GP Argentina è stato vinto 3 volte dalla Honda di Mick Doohan, giovatosi della pompa pollice concepita e realizzata dagli ingegneri Brembo dopo il suo terribile incidente al GP Olanda 1992.

Anche le 5​ edizioni del GP Argentina disputate a Termas de Rio Hondo sono state dominate da MotoGP con freni Brembo: 2 successi per Marc Marquez, 1 per Valentino Rossi, Cal Crutchlow e Maverick Viñales.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti