Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "Ho fatto un passo indietro per migliorare"

Valentino rinfrancato nell'ultimo giorno di test in Qatar: "abbiamo ridotto lo svantaggio ma non basta, dobbiamo continuare così"

MotoGP: Rossi: "Ho fatto un passo indietro per migliorare"

Share


Ieri Valentino vedeva tutto nero, alla fine di una giornata in cui era sembrato avere perduto la rotta, oggi invece la bussola è tornata a puntare nella giusta direzione. Il 4° tempo in classifica (che diventa il 5° nella combinata dei tre giorni) dice che il Dottore ha fatto pace con la sua M1. Un avvicinamento molto importante, considerando che fra poco più di una settimana inizierà il campionato.

Non si arriva mai alla prima gara pronti quanto si vorrebbe, ma oggi è stata una giornata positiva - tira un sospiro di sollievo - Sono riuscito a tenere un buon passo e sono stato abbastanza veloce anche sul giro secco”.

Quindi è tutto risolto?
Penso che abbiamo bisogno ancora di qualcosa di più per lottare con i migliori, ma siamo riusciti a ridurre molto lo svantaggio. Fra meno di due settimane scopriremo se sarà abbastanza”.

A cosa è dovuto questo cambiamento da un giorno all’altro?
Ho fatto un passo indietro, ieri avevamo lavorato moltissimo ma forse avevo finito per provare troppe cose diverse e così avevo perso la fiducia, insomma ci eravamo impegnati tanto per non risolvere niente. Oggi ho messo sulla moto tutto quello che mi era piaciuto nei test di Sepang e ha funzionato. Nonostante sia dovuto anche restare fermo ai box per un'ora a causa di un problema, sono stato competitivo”.

Nella combinata dei tempi, ci sono le 4 Yamaha nei primi 7 posti…
È solamente positivo, Maverick è andato fortissimo nel giro secco, come anche Morbidelli e Quartararo. Direi che in questo senso siamo messi bene, ma per quanto riguarda il ritmo siamo ancora in svantaggio”.

Come anche sul rettilineo…
La Yamaha lotta con la velocità massima dal 2004 (ride), scherzi a parte mi sono trovato dietro alle Ducati e riesco a stare loro in scia. Come ho detto, in generale abbiamo fatto dei miglioramenti ma dobbiamo continuare a progredire”.

Come giudichi questo inverno?
“Positivamente, perché finalmente si è visto qualcosa, sono arrivate parti nuove e ora non bisogna fermarsi”.

Pensando al GP, chi vedi come favorito?
Vinales è in gran forma e Rins è molto veloce, la Suzuki è migliorata. Saranno della partita le Ducati ufficiali e Petrucci mi ha sorpreso e poi, naturalmente, c’è Marquez”.

E tu?
Non lo so, vedremo (ride)”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti