Tu sei qui

Bollo moto storiche: una vittoria a metà

Ridotto del 50% per moto tra i 20 e i 29 anni di età ma al netto dalla iscrizione al Registro Storico e tessera FMI. E' comunque un passo avanti

News Prodotto: Bollo moto storiche: una vittoria a metà

Il 2019 inizia con una buona notizia per gli appassionati, in particolare peri possessori di moto storiche. La nuova Legge di Bilancio, approvata lo scorso 30 dicembre ed entrata in vigore martedì 1° gennaio, reintroduce infatti le agevolazioni fiscali sul bollo per i mezzi tra i 20 e i 29 anni di età.

Relativamente a questa tassa di possesso, il testo della legge riporta: “Gli autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, se in possesso del Certificato di Rilevanza Storica […] e qualora tale riconoscimento di storicità sia riportato sulla carta di circolazione, sono assoggettati al pagamento della tassa automobilistica con una riduzione pari al 50 per cento”.

Perché venga considerato valido, il Certificato di Rilevanza Storica deve essere rilasciato dal Registro Storico FMI o da uno degli altri Registri Storici riconosciuti dal Codice della Strada.
Certamente una buona notizia per i tanti possessori di moto che rientrano nella categoria suddetta. Anche se a conti fatti il risparmio del 50% viene quasi cannibalizzato dagli oneri accessori quali appunto iscrizione del mezzo al Registro storico e tesseramento FMI.

Il bollo per una moto come la Yamaha R1 del 1999 (foto di copertina) ha un costo che a seconda delle regioni può superare i 200 euro annui. Restando su questa cifra, con le nuove norme, arriverebbe e pagarne 100 a cui però bisogna aggiungerne circa 100 per iscrizioni al Registro Storico (60 euro annui se moto non radiata e con procedura online) e Tessera FMI ( che parte da 35,00 se si opta per la tessera fatta online più la quota da versare al Moto Club). Insomma, il gioco da questo punto di vista non sembra valere la candela. C'è però da sottolineare che si potrà godere, qualora la moto sia iscritta ai vari registri, di vantaggi per quel che riguarda la polizza assicurativa che può abbattere e di parecchio gli oneri derivanti dal possedere un mezzo ventennale.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti